spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    AVG: a Greve in Chianti 4 posti disponibili per il servizio civile. Domande fino al 15 febbraio

    Una esperienza formativa di un anno, in cui sperimentarsi nell’ambito dei servizi sociali sanitari ordinari e di emergenza

    GREVE IN CHIANTI – Sono 4 i posti disponibili per prestare il servizio civile presso l’AVG di Greve in Chianti.

    Una esperienza formativa di un anno, in cui sperimentarsi nell’ambito dei servizi sociali sanitari ordinari e di emergenza.

    Il servizio civile è rivolto a tutte le persone di età compresa tra i 18 ed i 28 anni, che si sentano interessate e dimostrino sensibilità verso i temi della salute e della disabilità, che abbiano voglia di lavorare in gruppo e vogliano scoprirsi.

    Ha la durata di un anno, per 25 ore settimanali ed è previsto un rimborso di 507,30 euro mensili.

    “È un’occasione – dicono dall’AVG – che rappresenta un valido trampolino di lancio per future esperienze nel mondo del lavoro, sia in associazioni come la nostra, ove sarà già costruito il rapporto di fiducia e come testimoniano i molti ex partecipanti che oggi lavorano con noi, che in ambito socio sanitario”.

    “Arricchirà comunque il curriculum – riprendono – anche di chi sia impegnato nelle varie carriere di studio. Come farsi sfuggire questa occasione?”.

    Per partecipare è necessario iscriversi con la propria identità digitale (SPID, CIE ecc) attraverso il portale domandeonline.serviziocivile.it, cercando Assistenza-soccorso Firenze Prato e selezionando poi Associazione Volontariato Grevigiano ODV.

    C’è tempo fino al 15 febbraio.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...