spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il primo cittadino di Greve scende in campo al fianco dei colleghi insieme all’Uncem

    C'era anche il sindaco di Greve in Chianti (unico comune parzialmente montano nel nostro territorio) Alberto Bencistà (vedi foto sopra) fra i nove di altrettanti piccoli e medi comuni della Toscana (di cinque diverse province) riuniti nella sede di Uncem Toscana.

     

    Nel mirino soprattutto la nuova tassa sui rifiuti, la Tares, e l’applicazione del Patto di stabilità anche ai Comuni sotto i 5mila abitanti. Ma quello dei primi cittadini di Borgo San Lorenzo, Londa e Greve in Chianti (Firenze), Stazzema e Fabbriche di Vallico (Lucca), Cantagallo e Vernio (Prato), Monsummano (Pistoia) e Sorano (Grosseto), è un vero e proprio grido d’allarme. Così non ce la facciamo più, hanno detto in coro.

     

    “Le casse sono vuote, i tagli sempre più pesanti, l’autonomia fiscale inesistente”, ha riassunto Oreste Giurlani, che da presidente di Uncem Toscana (oltre che sindaco di Fabbriche) ha fatto gli onori di casa. La richiesta immediata è il rinvio dell’applicazione della Tares, lasciando al nuovo governo una sua riformulazione: “Il meccanismo è tutto da rivedere – ha aggiunto Giurlani – L’aumento medio delle tariffe per una famiglia è del 30-40% e per le imprese può raggiungere addirittura il 400%”.
     

    Tutti i sindaci presenti hanno sottolineato un aspetto particolare. “Non possiamo garantire i servizi ai cittadini con i pochi proventi che ci deriverebbero da questa tassa”, ha detto il sindaco di Londa, Aleandro Murras. E Pierandrea Vanni, sindaco di Sorano: “La Tares nel mio comune rimette in discussione la scelta del porta a porta per la raccolta differenziata dei rifiuti che inizialmente prevede un incremento dei costi che si abbattono soltanto in un secondo tempo”.

     

    “Siamo solo dei gabellieri. Se questo deve essere il nostro compito, vengano pure i commissari prefettizi”, hanno commentato il primo cittadino di Monsummano, Rinaldo Vanni e quello di Vernio Paolo Cecconi. Secondo Giovanni Bettarini, sindaco di Borgo San Lorenzo, “con la Tares si compie un passo indietro di venti anni. Così la raccolta differenziata si blocca”. Il sindaco di Cantagallo, Ilaria Bugetti, ha sottolineato che “le famiglie non ce la fanno più a pagare tasse e imposte attuali, figuriamoci se introduciamo anche la Tares”.

     

    Una tassa quest’ultima, secondo il vice sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, “che evidenzia il black out fra governo centrale e enti locali. A Roma non si ha contezza di ciò che accade in periferia”. Tanto che, è stata la conclusione di Alberto Bencistà, sindaco di Greve in Chianti, “abbiamo problemi anche ad approvare i bilanci. C’è un rischio di una vera e propria rivolta fiscale da parte dei cittadini. Alcuni imprenditori mi hanno già detto che in caso di introduzione della Tares non la pagheranno”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua