giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Greve in Chianti, 110 mm di acqua in un’ora. Situazioni critiche a Testi e San Polo

    In particolare, un albero caduto e detriti lungo la Grevigiana: strada chiusa all'altezza di Testi

    GREVE IN CHIANTI – Il dato ce lo comunica il sindaco di Greve in Chianti, Paolo Sottani: "Nella fascia grevigiana sono caduti 110 mm di pioggia mista a grandine in un'ora. Fiumi e torrenti hano retto a questa bomba d'acqua in modo confortante".

     

    Segnalazioni di criticità a San Polo in Chianti, sempre osservato speciale in queste situazioni. 

     

     

    "La grandine – ci dicono i responsabili del Comune di Greve in Chianti sul campo per monitorare la situazione – ha buttato giù le foglie che sono andate a finire sulle caditoie. Comunque per il momento tutto sotto controllo".

     

    Le foglie sono state trascinate dall'acqua nel centro del paese, andando ad intasare le nuove tubazioni: l'acqua è entrata in una abitazione e in alcune attività commerciali, creando danni che, per fortuna, non sembrano ingenti.

     

     

    Più critica invece la situazione lungo la Greve, fra Testi-Passo dei Pecorai e Greti: qui la caduta di un albero e alcuni detriti che da monte sono finiti in strada, hanno reso necessaria la chiusura del tratto stradale di SP33.

     

    "Abbiamo già avvisato la Globale Service – concludono i responsabili del Comune di Greve in Chianti – In un paio d'ore la strada dovrebbe essere riaperta".

     

     

    Da tenere comunque sotto controllo l'evoluzione del meteo, dal momento che l'allerta giallo è attivo per tutta la giornata di oggi. E per domenica 28 luglio le previsioni non migliorano.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...