spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per il partito azzurro Carla Cavaciocchi. Per Rifondazione ancora una volta Marziali

    GREVE IN CHIANTI – Mentre l'eco dell'esclusione della Lista Civica con Paolo Stecchi dalle elezioni amministrative (a meno di ricorsi accettati, clicca qui per leggere l'articolo) non accenna a placarsi, si è composta definitivamente la "griglia" dei candidati sindaco per le prossime elezioni amministrative grevigiane.

     

    Accanto a Paolo Sottani (Pd e Psi), Giulio Pecorini (Centrosinistra per Greve in Chianti), Claudio Gurrieri (MoVimento 5 Stelle), sono stati ufficializzati anche i candidati di Forza Italia e Rifondazione comunista.

     

    Forza Italia ha attuato il metodo già messo in pratica in tanti altri comuni, ovvero chiamando un candidato "da fuori": si tratta di Carla Cavaciocchi (in foto sopra), consigliere provinciale.

     

    Una scelta che ha creato anche polemiche e prese di posizione a livello locale, come l'abbandono di alcuni esponenti di spicco del centrodestra grevigiano. Ad esempio Paolo Checcucci (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Rifondazione comunista ha presentato lista e candidato sul filo di lana: dopo discussioni sia con il Pd che con Centrosinistra per Greve, terminate senza accordi, il Prc è tornarto… "all'antico".

     

    Candidando come nel 2009 Maurizio Marziali, presidente della casa del popolo di Strada in Chianti e consigliere comunale uscente.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...