spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Se lo aggiudica, per le pratiche ecologiche, la Fattoria di Lamole

    La scorsa settimana presso  il  Museo degli Argenti di Palazzo Pitti  si è tenuta la cerimonia di premiazione del Best of Wine Tourism Award istituito dal Great Wine Capitals, la rete internazionale che riunisce le capitali vitivinicole mondiali. Le capitali sono oltre Firenze per l'Italia, Bordeaux (Francia), Porto (Portogallo), Bilbao-La Rioja (Spagna), Mainz (Germania) Cape Town (Sud Africa), San Francisco-Napa Valley (Stati Uniti), Mendoza (Argentina), Christchurch (Nuova Zelanda).
     

    Il prestigioso riconoscimento internazionale premia le strutture ricettive nel settore del vino che si sono particolarmente distinte nel corso dell'anno divise per categoria di eccellenza: la Giuria Internazionale del Best Of Wine Tourism, formata da specialisti del settore del turismo di tutte le città della rete, ha scelto i vincitori tra più di 400 candidature provenienti dalle nove capitali.
     

    Una giuria italiana ha poi emesso i propri verdetti a livello di provincia di Firenze e, fra le aziende premiate, c'è anche la Fattoria di Lamole, a Greve in Chianti, menzionata per le "Pratiche ecologiche nel turismo del vino".

     

    Il premio le è statato assegnato, come recita la motivazione, "per la valorizzazione degli impianti viticoli realizzati con il recupero degli antichi terrazzamenti, da poco convertiti alla coltivazione biologica, che garantiscono sostenibilità ambientale coniugando utilità e bellezza e contribuiscono ad una maggiore qualità del vino prodotto".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...