spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Panzano in Chianti ritorna l’appuntamento con i “nobili panzanesi” e… l’impiccagione

    Con il 25 aprile ritorna a Panzano in Chianti il tradizionale appuntamento organizzato dall'associazione "Il Grondino": ecco infatti la "Festa della Stagion Bona".

     

    Per un giorno nel borgo panzanese si torna molto, molto… indietro nel tempo. Alle 11 inizia il mercato "con in cibi e lo vino de lo contado". Alle 16 "sfilata de li nobil panzanesi pe' le vie de lo costello di panzano et forca pe' le vie Carlo De Gherardini".

     

    Alle 21 "spettacolo di magia, musiche danze et cibo in abundanzia in onore de lo magnifico cavaliere Luca Di Totto, da seguitare fino a notte fonda". E, alle 23, fuochi d'artificio.

     

    La festa è una rievocazione storica in costume, dove da oltre cinquanta anni si fa rivivere l'antica faida tra i Gherardini e i Firidolfi. Si apre appunto con il corteo storico che sfila tra le strade del paese fino alla piazza del castello.
     

    Qui si tiene il processo a Carlo de' Gherardini, reo dell'uccisione di un membro dei Firidolfi. Lo spettacolo si chiude con la condanna a morte del Gherardini. E alla conseguente…impiccagione.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua