domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Gli ordigni bellici ritrovati a San Casciano nel dicembre scorso verranno fatti “brillare” a Greve

    "Si avvisano i residenti nelle zone limitrofe alla cava Sacci di Testi che dal 7 al 22 luglio nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì, avranno luogo le operazioni di brillamento"

    GREVE IN CHIANTI – Ricordate gli ordigni bellici, oltre 20, ritrovati durante i lavori di scavo di Publiacqua lungo via Borromeo nel dicembre 2019?

    Ritrovamento consistente, che aveva costretto decine e decine di famiglie dell’area vicina a quella del ritrovamento a dormire fuori casa per un paio di notti.

    Fino a quando gli specialisti dell’esercito avevano bonificato e portato via i proiettili di artiglieria, retaggio del passaggio del fronte della seconda guerra mondiale da San Casciano.

    Che fine avevano fatto? Erano stati custoditi in luogo sicuro in attesa di organizzarne l’esplosione. Che avverrà nei prossimi giorni nel comune di Greve in Chianti.

    Più precisamente nella cava di Testi, che serve il cementificio, dove le esplosioni non sono certo una novità.

    “Si avvisano i residenti nelle zone limitrofe alla cava Sacci di Testi – dice il Comune di Greve in Chianti – che dal 7 al 22 luglio nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì, avranno luogo le operazioni di brillamento degli ordigni bellici della seconda guerra mondiale rinvenuti a San Casciano lo scorso dicembre”.

    Info: polizia municipale di Greve in Chianti, 0558545231 – 055853511,
    [email protected]greve-in-chianti.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...