spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Greve in Fiore”: sabato e domenica piazza Matteotti diventerà un tappeto profumato

    Una due giorni di passioni per la natura e il giardinaggio nell'appuntamento florovivaistico che torna dopo le pause-Covid

    GREVE IN CHIANTI – È giunta alla 46esima edizione la mostra mercato che fa “sbocciare” una delle piazze più belle del Chianti.

    Piante e fiori di ogni varietà, rose, piante grasse, piante officinali, inonderanno di profumi primaverili piazza Matteotti, cuore storico e commerciale di Greve in Chianti.

    L’occasione è “Greve in Fiore”, un appuntamento che racconta da quasi mezzo secolo di vita la storia di una tradizione radicata e partecipata, riflesso dell’amore e della passione di un territorio per la natura e il mondo vegetale.

    Anche questo è un segno della cultura slow, della capacità e della qualità, tutta chiantigiana, di dedicare tempo e cura allo sviluppo sostenibile del territorio.

    Una vetrina coloratissima, una straordinaria serra en plein air con centinaia di specie floreali, messe in mostra da una ventina di espositori provenienti da tutta la Toscana, animerà il prossimo weekend sabato 14 e domenica 15 maggio dalle ore 9 alle ore 19.30.

    Tra i banchi gli appassionati potranno anche trovare l’oggetto giusto nel settore dell’arredo per il giardinaggio. L’iniziativa è promossa dal Comune di Greve in Chianti ed è organizzata dalla Società Toscana Orticultura di Firenze.

    Un evento che si inserisce nel programma della manifestazione è l’incontro di approfondimento promosso da Anci Toscana, organizzato nella sala consiliare del palazzo comunale, sul tema “Biodiversità è paesaggio.

    Divulgazione sulla normativa relativa alla tutela della biodiversità e del paesaggio”, in programma sabato 14 maggio dalle ore 9.30 alle ore 13.30.

    Dopo i saluti istituzionali del sindaco Paolo Sottani interverranno Marina Lauri, responsabile Agricoltura Anci Toscana, Alberto Giuntoli della Società Toscana di Orticultura che affronterà il tema “Come sta cambiando il paesaggio agrario della nostra regione”.

    Seguirà Elia Renzi della Società Toscana di Orticultura che accenderà un focus sul tema “Storia e biodiversità nel paesaggio rurale”, seguito da dall’accademico dei Georgofili Daniele Vergari con “Storia e biodiversità: dialogo partecipato attorno al testo di Giuseppe De Moro “Agricoltura pratica”.

    Concluderà la tavola rotonda l’agronomo Francesco Pavesi con un intervento sugli “Agrumi dei Medici”. L’iniziativa propone nell’ultima parte una discussione con i partecipanti che potranno porre domande ed esporre riflessioni e considerazioni. Ingresso libero.

    “Dopo il successo dello scorso fine settimana con l’iniziativa delle Città Slow, Greve continua a farsi bella con le sue inconfondibili essenze in una cornice senza tempo che è quella di piazza Matteotti” dichiara il sindaco Paolo Sottani.

    “Questa edizione – prosegue – segna anche una vera e propria ripartenza dopo la pandemia. Accogliamo uno degli storici appuntamenti del territorio grazie alla collaborazione consolidata con la Società Toscana Orticultura”.

    “E quest’anno – conclude – intendiamo più che mai diffondere un messaggio di armonia e bellezza legato alla necessità di introdurre e mettere in atto nel settore agricolo, come nella vita quotidiana, pratiche virtuose legate alla biodiversità per lo sviluppo sostenibile del Chianti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...