spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Battuta al cinghiale, malore per un cacciatore: malinteso e i soccorsi… non arrivano

    Incomprensione sul nome della via "dirotta" il mezzo da Calcinaia a San Polo: per fortuna l'Avg ha dato una mano

    GREVE IN CHIANTI – Un'incomprensione da parte della centrale del 118, probabilmente dovuta anche alla concitazione del momento e all'apprensione di chi era dall'altro capo del telefono, ha rischiato di generare un problema serio nella giornata di ieri, venerdì 13 ottobre.

     

    Quando un cacciatore, durante una battuta di caccia al cinghiale in una riserva di ripopolamento nella zona di Calcinaia-Greti, ha avuto un malore.

     

    Subito i compagni di caccia hanno chiamato il 118, ma per una incomprensione sul nome della via in cui andare a prestare i soccorsi, il mezzo è stato inviato a San Polo invece che nella zona dove si trovava la squadra.

     

    Fortunatamente nel gruppo dei cacciatori c'era anche un volontario dell'Avg di Greve in Chianti. E che nella sede dell'associazione grevigiana c'era il personale dell'emergenza, che ha fatto da "mediatore" fra 118 e persone sul posto.

     

    Si è quindi deciso di mettere in auto la persona e portarla direttamente alla sede dell'Avg. Dove ad attenderla c'era la dottoressa del 118, che l'ha visitata e poi portata con un mezzo dell'Avg all'ospedale di Ponte a Niccheri.

     

    Per fortuna non si era trattato di un infarto o di patologie gravi. Un episodio che conferma una volta di più la necessità di mantenere il massimo della calma in situazioni pur, comprensibilmente, difficili.

     

    Sia da parte di chi chiede soccorsi, che dovrebbe riuscire a rispondere alle domande dell'operatore del 118; sia di chi i soccorsi li invia, che dovrebbe riuscire sempre di più (in un sistema di emergenza urgenza che comunque funziona bene) a guidare con sicurezza chi è dall'altro capo del telefono.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...