spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La comunità di San Polo rende omaggio al suo dottore: oggi si inaugura l’opera d’arte in memoria di Luciano Cecconi

    Alle 15 l'inaugurazione dell'installazione scultorea, progettata e realizzata da Maria Chiara Cecconi, nei giardini pubblici nei pressi del complesso scolastico della frazione

    SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – Insieme ai numerosi alberi che ha piantato in alcune aree della frazione di San Polo in Chianti, Luciano Cecconi, medico condotto e amico di famiglia per tante persone, ha coltivato i semi della bellezza, della salute, dell’attenzione al decoro e della cura degli altri.

    A undici anni dalla sua scomparsa, l’amministrazione comunale dedica al dottore di San Polo un ricordo speciale, accogliendo la richiesta di alcuni concittadini di avere nel paese una testimonianza del loro medico.

    La figlia scultrice, Maria Chiara Cecconi, ha progettato e realizzato l’installazione “A mio padre”.

    Un omaggio da respirare all’aria aperta, nel segno della cultura dell’incontro e del gioco, un inno alla vita da condividere in uno spazio pubblico, i giardini comunali adiacenti al complesso scolastico di San Polo, con i familiari e tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscere, rispettare e amare il medico dedito agli altri.

    Il dottor Cecconi, specializzato in odontoiatria, aveva scelto infatti di risiedere nella località collinare con la moglie sin dagli anni Cinquanta.

    É nel piccolo paese che il dottore, nato nel 1927, originario di San Miniato, ha svolto la sua professione, interpretandola come una missione al servizio della collettività.

    “Il babbo non è stato solo un medico – ricorda la figlia – ha costruito relazioni, ha sostenuto e aiutato i più deboli, si è impegnato per rendere bello e vivibile il suo territorio di adozione, si è attivato per rivitalizzare San Polo fondando insieme ad altri residenti la Festa del Giaggiolo, ha contribuito ad accrescere il senso di comunità che è particolarmente spiccato in questo luogo”.

    Oggi, sabato 3 dicembre, alle ore 15, sarà inaugurata l’installazione scultorea, progettata e realizzata dalla figlia Maria Chiara Cecconi nel giardino dedicato a Luciano Cecconi. A tagliare il nastro saranno il sindaco Paolo Sottani e l’assessore alla cultura Giulio Saturnini.

    “È un’opera dedicata a mio padre – sottolinea ancora la figlia – costituita da un gruppo di sedute in terracotta, realizzate dalla Fornace Poggi di Impruneta, articolate in moduli, dove sarà possibile ritrovarsi, incontrarsi, dialogare e giocare”.

    “Sulle sedute infatti – specifica – sono stati disegnati e incisi con terre di diversa colore una scacchiera, le lettere dell’alfabeto, il gioco del tris, del filetto e del gioco dell’oca, una delle sedute riporta il ritratto di mio padre”.

    “L’omaggio al dottor Luciano Cecconi – dichiara il sindaco Paolo Sottani – ha offerto l’occasione anche per riqualificare tutta l’area dei giardini nel piazzale delle scuole dove sono state piantati ulivi, alberi da fiore, siepi e aiuole aromatiche al profumo di ginestra, lavanda, rosmarino, con il ricordo del dottore di San Polo rinasce un parco pubblico”.

    L’opera è stata realizzata con il contributo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Firenze, la Pubblica Assistenza San Polo il Circolo SMS di San Polo e Poggio alla Croce, il Comitato turistico di San Polo, la Coop di San Polo.

    E i cittadini che hanno voluto ricordare il loro medico e la persona che ha contribuito alla crescita del paese.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...