mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    La vita degli “ultimi Vespucci” ricostruita nel libro di uno storico grevigiano

    Italo Baldini ha narrato il crepuscolo della grande famiglia: da Elena fino ad Ameriga...

    GREVE IN CHIANTI – Quando si dice Vespucci si pensa immediatamente ad Amerigo, il celebre esploratore fiorentino che visse tra il XV e XVI secolo e dette il suo nome al “nuovo mondo” sul quale era approdato per primo Cristoforo Colombo.

     

    Ciò che è meno noto al grande pubblico e in buona parte anche alla storiografia ufficiale è il susseguirsi di vicende di cui gli eredi del viaggiatore furono protagonisti nel corso dei secoli, con l'ultimo rappresentante maschio della famiglia, Amerigo Cesare, che morì nel 1875 a Montefioralle, il castello di Greve in Chianti.

     

    A ricostruire la storia degli “ultimi Vespucci” è stato recentemente Italo Baldini, storico grevigiano figlio e fratello d'arte (al padre Carlo, autore di numerosi libri di storia locale, e al fratello Massimo, filosofo e professore alla Luiss, è dedicata la biblioteca comunale di Greve), in un volume, edito da Hollitzer, che racconta il crepuscolo della grande famiglia fiorentina narrando le vicende dell'ultima generazione: dalla nascita di Elena, nel 1804, alla morte di Ameriga, nel 1910.

     

    Un lavoro durato oltre due anni e partito, come si legge nell'introduzione, con la convinzione che poco si sarebbe trovato per ricostruire l'esistenza degli ultimi Vespucci.

     

    È stato grazie alla tenacia dell'autore e anche, come lui stesso ammette, a un po' di fortuna, che è potuta emergere così tanta documentazione (tra cui spicca l'archivio Colocci a Jesi, dove è custodita la corrispondenza epistolare tra gli ultimi membri della famiglia) da rendere l'opera interessante dal punto di vista  storico ma anche ricca di curiosità e colpi di scena.

     

    Una vera saga familiare, che nulla ha da invidiare a storie più conosciute e celebrate, ed in cui spicca la figura di Elena Vespucci, sconosciuta in Italia ma celebre all'estero, soprattutto negli Stati Uniti.

     

    Una donna dalla personalità complessa, combattiva e anticonformista, viaggiatrice appassionata, dai tanti “acuti” e dai molti amanti, la cui storia avventurosa contrasta con quella più anonima del fratello Amerigo Cesare, morto in solitudine a Montefioralle e divenuto anche per questo un simbolo della parabola discendente della gloriosa casata.

     

    C'è molta Greve sullo sfondo ed è lo stesso Italo Baldini a sottolineare, con una punta di orgoglio, che questa terra ha fatto da scenario alla storia delle due maggiori famiglie di navigatori toscani: i Verrazzano e i Vespucci.

     

    “Il  castello di  Verrazzano e quello di Montefioralle – spiega lo storico – distano tra loro in  linea d'aria meno di tre chilometri, circa alla stessa altitudine. Ed è singolare il modo in cui si sono estinte le due casate: l'ultimo dei Verrazzano, famiglia di origini grevigiane, non è morto nella  sua terra di provenienza bensì a Prato nel 1819, mentre l'ultimo maschio dei Vespucci, la cui  famiglia non era originaria di Greve in Chianti, vi è morto nel 1875, nel castello di Montefioralle dove aveva casa e interessi".

     

    "Quindi – conclude – per dirla brevemente, Greve ha visto la nascita del primo Verrazzano (Giovanni nel 1485 circa, n.d.r.) e la morte dell'ultimo Vespucci”.

     

    di Matteo Morandini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...