spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Durissima la candidata Pd alle regionali: “Si scusino pubblicamente o li denuncio per diffamazione”

    GREVE IN CHIANTI – E' arrabbiatissima Maria Grazia Esposito, assessore al Comune di Greve in Chianti e candidata Pd al prossimo consiglio regionale: furibonda nei confronti del M5S che accusa il Partito democratico di affissioni selvagge (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "Prima di sparare a zero – dice Esposito rivolta a Sonia Butini e Giulia Nannelli – i consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle dovrebbero verificare le proprie notizie, evitando illazioni ed offese infondate. Ancor di più se tanto gravi e perpetrate attraverso mezzi di comunicazione ed informazione".

     

    "Qui – dice Esposito – si arriva ad aggredire le persone nella propria integrità e dignità, e di questo mi rattristo molto, solo ed esclusivamente allo scopo di sottrarre consensi che nascono dal lavoro di una vita (la mia)".

     

    "Mi rifiuto – dice ancora, arrabbiatissima – di abbassarmi a tanto, la mia vita e la mia professione si basano su valori forti, che partono dal rispetto del prossimo e che porto avanti con convinzione".

     

    "Invito il MoVimento 5 Stelle – rilancia – a verificare l'inesattezza delle gravi affermazioni (i miei manifesti sono affissi nella posizione assegnata) e a presentare pubbliche scuse. Di contro, la sottoscritta si riserva di adire le vie legali e giudiziarie per diffamazione. "Credevo che il metodo-Boffo fosse appannaggio di una politica oramai superata. Ma mi sbagliavo!".

     

    Poi una chiusura sferzante: "Mi fa veramente dispiacere sapere che in consiglio comunale vi sia una rappresentanza che dichiarandosi nuova (forse solo per l'utilizzo del iPad) non perda occasione per dimostrare i propri limiti".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua