spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Migrante dà in escandescenze a Panzano: la testimonianza dell’autista dell’autobus

    "Vi racconto passo dopo passo come è andata. Ha preso a legnate il mezzo sbagliato. Non ha cercato di picchiare me"

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – E' l'autista dell'autobus che aveva a bordo il giovane nigeriano che nel pomeriggio di ieri, giovedì 13 luglio, ha dato in escandescenze a Panzano in Chianti (poi è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale), a spiegarci per filo e per segno come si sono svolti i fatti.

     

     

    "Era la corsa delle 17.10 per Panzano via Ferrone – inizia il racconto – Il ragazzo sale e va in fondo a sedere. Si sdraia, buttando giù il sedile. Io mi accorgo di lui solo a Panzano, al capolinea Ferruzzi, dove c'è la falegnameria e il nostro parcheggio. Lo sveglio e dicendogli di scendere: era in stato confusionale, probabilmente aveva bevuto perché faceva fatica a stare in piedi".

     

    ASSI – A terra, davanti ai mezzi. Prese dalla vicina falegnameria

     

    "Alla fine scende – continua il racconto – gli faccio vedere la. strada per tornare alla fermata per prendere la Sita delle 18.40, che proviene da Lucarelli e non transita dal parcheggio. Mentre si incammina io vado a prendere lo scooter, chiudo il bus e me ne vado a casa perché avevo terminato il mio turno".

     

    "Mentre vado via – dice ancora – vedo lui che si era messo a dormire sul ciglio della strada, lato falegnameria. E dico dentro di me: domani mattina questo ci si ritrova qua".

     

    L'autista comunque va a casa. Un'ora dopo, attorno alle 19.30, viene chiamato da alcuni colleghi: "Anche loro terminavano il proprio turno – dice ancora l'autista – e mi dicevano di andare al deposito perché c'era una persona che aveva preso dei legni e li aveva tirati verso un bus parcheggiato, causando la rottura del cristallo e degli specchietti".

     

    "Sono andato subito – dice – e già erano presenti carabinieri e polizia municipale. E il ragazzo in manette. A me non ha messo le mani addosso( né provato a mettermele) perché ero a casa. Diceva di avere perso sul bus il suo cellulare, e peraltro aveva preso a legnate quello… sbagliato".

     

    IL RAGAZZO – A terra. Intorno a lui alcuni dei legni scagliati contro un mezzo parcheggiato

     

    "Erano state le persone che abitano lì in zona – sottolinea l'autista – a chiamare le forze dell'ordine perché si erano impaurite. Prima dalle botte sul bus con i legni; poi quando sono scesi a vedere cosa stava succedendo e lo hanno visto seduto a terra con un accendino. Voleva bruciare il paraschizzi di gomma del bus".

     

    "Quindi – precisa in conclusione – il bus era chiuso ma non ero presente sul posto. Dove sono tornato solo dopo la chiamata dei miei colleghi. Il il ragazzo deve essere andato fuori dai… binari quando si è reso conto che aveva smarrito sul bus il telefono, e ha iniziato a danneggiarlo. Peraltro il telefono è stato ritrovato subito sul bus, incastrato fra sedile e fiancata".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...