spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Formula davvero innovativa, valida a pranzo e cena: alle Cernacchie a La Panca

    LA PANCA (GREVE IN CHIANTI) – Si chiama PAL, che vuol dire "Pay as You Like", ovvero… paga quanto vuoi. E' la nuova formula inaugurata da qualche giorno dalla Trattoria Le Cernacchie, nel cuore delle colline grevigiane nel borgo di La Panca. Tutti i giorni, a pranzo e a cena.

     

    In sostanza, il menu viene scelto dai titolari della trattoria. E il conto, alla fine, lo si paga in base a quanto si ritiene opportuno.

     

    "E per chi può sentirsi in difficoltà con la valutazione (4 in economia e commercio!)  – dicono sorridendo quelli dello staff della Trattoria – può scegliere il "Menu delle Cernacchie" composto da antipasto della casa, primo di pasta fresca con ragù di cacciagione, secondo di carne con contorni, dolcino, acqua e.caffè a 25 euro (vini esclusi)".

     

    "Le pietanze le scegliamo noi – dicono Stefano, Fabrizio e Alberto – ma il prezzo lo decidete voi. Sì, avete capito bene, si paga in base a quanto si ritiene giusto e per quanto sarete soddisfatti. Solo su prenotazione…….affrettatevi e godetevi il Pay as you like alle Cernacchie prima che ci ripensiamo. A proposito, meglio se telefonate… per prenotare".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...