spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cerca di passare con una betoniera attraverso l’arco di Panzano alto: incidente e strada chiusa

    La strada al momento era a doppio senso per ovviare alla chiusura della provinciale per lavori, ma quel mezzo da lì non poteva passare. Verifiche di staticità per capire se e come riaprirla

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Incidente stradale nella mattinata di oggi, venerdì 17 marzo, a Panzano alto.

    Dove una betoniera ha impattato nell’arco che separa piazza Ricasoli da via Da Verrazzano.

    Siamo nella parte vecchia del borgo chiantigiano, dove al momento si viaggia su due sensi come in una sorta di bypass.

    Resosi necessario a causa dei lavori in corso sulla strada provinciale (la Sp118), dove la Città Metropolitana sta sistemando (in teoria fino ai primi di aprile) la frana alla Limonaia di Pescille.

    Solo che i mezzi pesanti, come quello in questione, da lì non dovrebbero proprio passare. E per salire a Panzano in Chianti dovrebbero arrivare da Greve.

    L’impatto è stato violento. L’arco, sopra al quale ci sono alcune stanze, ha subito danni.

    Nel pomeriggio di oggi i vigili del fuoco sono arrivati sul posto per le verifiche sulla stabilità dell’immobile.

    In base a quel che diranno, si potranno effettuare le riparazioni per riaprire prima possibile la strada. Oppure, ipotesi peggiore, la strada dovrà rimanere chiusa.

    E con la provinciale a valle già non utilizzabile, i problemi sarebbero non di poco conto.

    Tanto che nel caso di verifiche l’ipotesi peggiore, l’amministrazione comunale potrebbe chiedere alla Metrocittà di sbloccare la provinciale, per non rendere isolato del tutto il paese sul versante che guarda verso Valigondoli-Mercatale.

    Ovviamente, partiranno anche tutte le sanzioni a carico dell’autista della betoniera.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...