spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Passioni e natura: a Spedaluzzo (Greve in Chianti) i cardi giganti di Gabriele Boretti

    I fiori di cardo gigante inerme, che generalmente non superano il metro e mezzo, nel suo giardino hanno raggiunto i 3 metri di altezza: "Pronto a mostrarli e regalarne i semi"

    SPEDALUZZO (GREVE IN CHIANTI) – Una pianta da record. Passando da Spedaluzzo, il “passo” che divide la parte nord del comune di Greve in Chianti da tutto il resto del territorio, oltre che una vista mozzafiato su ciò che il Chianti rappresenta, vigne, casali in pietra, colline brulle e boschive, lo sguardo che si perde in un orizzonte che va sfumandosi mescolando i colori del cielo e della terra.

    Guardando verso il villaggio di case, tutte in pietra, che si trova proprio sullo scollino, potreste scorgere dei fiori viola che sovrastano un muro di recinzione.

    Sono i fiori di un cardo gigante inerme, una pianta che generalmente non supera il metro e mezzo, ma che nel giardino di Gabriele Boretti ha raggiunto i 3 metri di altezza.

    “Mi sono innamorato di questa pianta – Gabriele inizia così il suo racconto – quando a Torino, in vacanza, ho visitato un giardino botanico e l’ho vista. Era nel momento di fioritura, che sarà a fine mese e quei fiori viola mi hanno fulminato”.

    “Ho cercato informazioni su cos’era di preciso – prosegue – come andava curata e a cosa serviva. Poi, qualche anno fa, ho deciso di cercarne delle piantine, le ho trovate in un vivaio qui vicino e da li è esplosa la mia passione per queste piante”.

    “Sono piante orticole della famiglia delle composite o asteracee – ci spiega – la parte che generalmente tutti raccolgono per consumarla è la costa delle foglie, larga e carnosa; ma io le considero e le tratto come se fossero solo piante ornamentali, mi piacciono in ogni loro aspetto”.

    “Le grandi foglie che ricordano le palme – descrive – e poi questi steli con i fiori all’estremità, che inizialmente assomigliano a dei carciofi. Ma a fine giugno si aprono e si trasformano in una cascata di colori viola, con tantissime sfumature all’interno”.

    “Aspetto tutto l’anno per vedere quei fiori sbocciare – ci racconta emozionato – rimangono al massimo del loro splendore per circa 15-20 giorni, poi cominciano a perdere il colore ed i pistilli che li contraddistinguono”.

    “Quando vedo che stanno variando il viola – rimarca – li raccolgo e li faccio seccare. Una volta seccati per bene, si mantengono a lungo e diventano un elemento d’arredo splendido”.

    “Ho voluto raccontarvi questa storia – ci spiega – perché spero che qualcuno sia curioso di vedere queste piante. Lascio la mia mail, gabribore@virgilio.it, per chiunque volesse venire a vederle o fosse interessato a prenderne dei semi, dei fiori o scoprire come le tratto per farle diventare così grandi”.

    “Se continuano di questo passo – conclude sorridendo – mi occuperanno tutto il giardino, dovrò farmi coraggio e toglierne qualcuna, perché si sono propagate da sole e mi dispiace non farle crescere tutte”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...