spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In via Battisti, il titolare apre nel giorno del compleanno della moglie da poco scomparsa

    Greve in Chianti, come tutto il Chianti, si preparano alla nuova stagione turistica. Tra  i negozi che quest'anno si presenteranno con una veste nuova c’è “Pasta d'Autore”, di Domenico Zito. Il negozio, per oltre dieci anni, ha avuto sede in via Roma, meglio conosciuta come “il borgo”.

     

    Ora si è trasferito e la nuova sede è in via Cesare Battisti, a due passi dalla Farmacia Stecchi, di fronte alla Macelleria Ceccatelli. La nuova sede è più ampia della precedente e consentirà all'esercizio di servire anche piatti pronti espressi.

     

    L'esercizio, infatti, oltre che  del laboratorio per la produzione della tradizionale pasta fresca e pasta ripiena, sarà dotato di una cucina che consentirà anche la preparazione dei primi espressi che potranno essere consumati sul posto.

     

    "La pasta la faccio tutta io – spiega Zito – produco e vendo: dalle tagliatelle ai pici, ai ripieni. Avevo voglia di ingrandirmi. Infatti dai 40 metri quadri della sede in borgo sono passato ai cento di quella attuale. All'inizio venderò la pasta fresca e, a partire dalla Pasqua, si potrà anche gustarla sul posto".

     

    Zito,  approdato a Greve in Chianti dopo una esperienza ultraventennale a Parigi,  ha deciso di inaugurare il nuovo laboratorio e punto vendita nella giornata dell'8 marzo, giorno del compleanno della moglie, recentemente e prematuramente scomparsa.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...