spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Poggio alla Croce: in 30 all’SMS per il corso di micologia organizzato al circolo

    Nato con l'intento di "ridurre gli infortuni durante la ricerca dei funghi" e "ridurne i casi di intossicazione dovuti al loro consumo"

    POGGIO ALLA CROCE (GREVE IN CHIANTI) – Numero di persone che si addentrano nei boschi alla ricerca di funghi in aumento esponenziale negli ultimi anni.

    E, conseguentemente, sono aumentati anche i problemi legati agli infortuni, agli smarrimenti, alle intossicazioni.

    Va in particolare in direzione della prevenzione di queste problematiche l’ultima iniziativa nei locali dell’SMS del Poggio alla Croce, presieduto da Carlo Viviani Della Robbia.

    Che ha organizzato un partecipatissimo corso di micologia (trenta i partecipanti) che si concluderà il 6 dicembre.

    Grande interesse per i primi due incontri, per un progetto organizzato dall’associazione culturale Il Paese sulla Collina, con la collaborazione della Regione Toscana e il servizio AGMT (Associazione Gruppi Micologici Toscani).

    Gratuito, tre incontri di due ore ciascuno, nati appunto con l’intento di “ridurre gli infortuni durante la ricerca dei funghi” e “ridurne i casi di intossicazione dovuti al loro consumo”.

    E la partecipazione è stata molto importante: segno che l’argomento è davvero di grande interesse da parte della cittadinanza.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...