spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Polemica furiosa sulla quota associativa per “I Borghi più belli d’Italia”

    Accusano il sindaco di Greve in Chianti, Alberto Bencistà, di non saper "più distinguere la fantasia dalla realtà".

     

    "Il 4 aprile – scrivono Lista Civica con Paolo Stecchi, Riformisti & Democratici e Api Greve in Chianti – sul quotidiano La Nazione aveva affermato, riguardo al pagamento della quota associativa ai “Borghi più Belli d'Italia”: "Abbiamo pagato, un po' in ritardo, ma abbiamo pagato". Dove un po' in ritardo vuol dire più di un anno".

     

    "Il 5 aprile – proseguono – abbiamo chiesto al segretario la copia della determina con la quale il Comune, a detta del sindaco, aveva pagato, ma nonostante un sollecito nessun documento ci è pervenuto. Abbiamo ricevuto una mail dai “Borghi più Belli d'Italia” che ci informava: "Ad oggi 15 aprile 2013, non risulta nessun pagamento da parte del Comune di Greve in Chianti"".

     

    "Ci domandiamo – continuano – ma se il sindaco mente così spudoratamente su una questione di così poco conto, cosa si sarà inventato in tutti questi quattro anni sulle questioni molto più importanti? Ci domandiamo ancora: ma il resto della giunta comunale è all'oscuro di tutto o vota solamente perché lo dice il sindaco?".

     

    "Il sindaco della legalità? Forse – concludono – per lui legalità vuol dire prendere dei legali per difendere il Comune. Infatti in tre anni e mezzo ha speso solamente (si fa per dire) 326.000 euro di legali".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua