venerdì 25 Settembre 2020
Altre aree

    Prove tecniche di pista ciclabile di fondovalle: chiude per due mesi (h24) un tratto della SP33 di Testi

    Dal km 1+150 al km 3+750 circa, dal 14 settembre al 10 dicembre (due mesi in pratica) con orario 00.00/24.00. E' garantito il transito ai vigili del fuoco e ai mezzi di soccorso

    GREVE IN CHIANTI – La notizia è di quelle che fanno ben sperare coloro che da tempo chiedono una pista ciclabile sul fondovalle grevigiano.

    E che comunque per due mesi modificheranno le abitudini di tanti che si muovono da e per Greve in Chianti.

    Per consentire la sperimentazione di un percorso ciclo-pedonale da parte del Comune di Greve in Chianti infatti, la Città Metropolitana ha disposto la chiusura al transito dei veicoli, in entrambi i sensi di marcia, della strada provinciale n. 33 “Di Testi”.

    Dal km 1+150 al km 3+750 circa, dal 14 settembre al 10 dicembre (due mesi in pratica) con orario 00.00/24.00.

    In pratica è interrotto il tratto che dal Passo dei Pecorai arriva fino a Greti. Dal bivio per Le Bolle fino alla congiunzione con la SR222 a Greti.

    Chi da Firenze va verso Greve in Chianti e viceversa, non passerà più lungo la Greve ma, appunto, salirà alle Bolle per poi scendere lungo la SR222 Chiantigiana.

    Percorso che da tempo viene fatto dai bus da e per Greve in Chianti.

    Su quello di fondovalle sarà comunque garantito il transito ai vigili del fuoco e ai mezzi di soccorso.

    • – – – – – – – – – STRADA CHIUSA

    • – – – – – – – – – STRADA APERTA

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino