spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Marcia della pace Perugia-Assisi, tre i pullman che partono da Greve

    L'iniziativa accolta con grande entusiasmo dai grevigiani, moltiplicate le prenotazioni. Ritrovi a Panzano, Strada e Greve

    GREVE IN CHIANTI – Saranno ben tre i pullman che domenica 9 ottovbre partiranno da Greve per partecipare alla Perugia-Assisi, il più importante appuntamento pacifista nazionale che raccoglie l’adesione di migliaia di persone, associazioni, organizzazioni, scuole provenienti da tutta Italia.

     

    La proposta delle associazioni Tiravento, Circolo Arci di Greve, Proloco Panzano, Spi-Cgil Greve e della Coop Italia Nuova, di partecipare tutti assieme all’evento nazionale è stata accolta con grande entusiasmo dai cittadini tanto che in pochi giorni si sono moltiplicate le prenotazioni.

    “Siamo molto soddisfatti – confermano dalle associazioni organizzatrici dell'evento – Essere insieme alla Perugia-Assisi significa certamente fare appello alla responsabilità dei politici e delle istituzioni ma anche unire i nostri passi e il nostro impegno per ribadire una ferma condanna della violenza, dei muri, degli interessi economici e politici che soffiano su odi e contrapposizioni”.

     

    I pullman partiranno domenica mattina da piazza Bucciarelli a Panzano alle ore 6.30, da piazza Trento a Greve alle ore 6.45 e da piazza Landi a Strada alle ore 7. Pranzo a sacco offerto a tutti i partecipanti.

    Sarà possibile fare un tratto della marcia (18 km, 9 km, 5 km, 1 km) oppure attendere ad Assisi l’arrivo della marcia e partecipare alla manifestazione conclusiva. Per informazioni: Stefano 3387888401 Daniele 3483318380

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...