spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quattro associazioni grevigiane, quattro anniversari speciali: il Comune le premia

    La Racchetta compie 50 anni, il Gruppo Insieme e il Gruppo GEV spengono 30 candeline, Cure2Children festeggia 15 anni

    GREVE IN CHIANTI – La vita associativa di Greve in Chianti racconta la lunga storia di un territorio animato dalla passione autentica di chi investe il proprio tempo libero nella crescita della comunità.

    A favore dei bisogni dell’altro, della diffusione della conoscenza e della promozione delle risorse culturali, della cura e del rispetto del patrimonio ambientale, della protezione civile.

    Un percorso individuale e collettivo quello del volontariato grevigiano, che nel tempo ha affondato lunghe radici nei settori più diversi; tanto da raggiungere traguardi significativi e celebrare anniversari speciali.

    E’ ciò che ha voluto sottolineare l’amministrazione comunale di Greve in Chianti organizzando, nei giorni scorsi, una cerimonia di premiazione dedicata ad alcune delle associazioni grevigiane più longeve.

    Compleanni d’oro, d’argento e ultradecennali sono stati festeggiati insieme ai protagonisti: l’associazione La Racchetta (sezione di Panzano in Chianti), giunta alla soglia del mezzo secolo di vita, spesa nell’attività antincendio boschivo e nelle emergenze di protezione civile.

    Il Gruppo Insieme, a sostegno della disabilità e del disagio di ogni fascia di età; il Gruppo San Michele GEV del Chianti, operativo nell’escursionismo e nel settore storico-culturale e ambientale, entrambi al traguardo dei 30 anni.

    E la Fondazione Cure2Children onlus: che ha spento 15 candeline, tanti quanti gli anni di attività volontaria finalizzata a supportare i bambini con tumori e gravi malattie del sangue.

    Sono stati il sindaco Paolo Sottani, il vicesindaco Giulio Saturnini e l’assessore Lorenzo Lotti a ricevere e premiare i referenti delle associazioni nella sala consiliare del palazzo comunale in piazza Matteotti.

    Con oltre 200 volontari, attivi nelle sezioni del Chianti fiorentino, Ferrone, Panzano in Chianti, San Casciano e Tavarnelle (e 20 mezzi) La Racchetta è un’organizzazione che attua una fondamentale azione di contrasto agli incendi boschivi e offre supporto nelle emergenze di vario genere.

    “Siamo al servizio della natura da 50 anni – dichiara Filippo Grifoni, responsabile regionale AIB – il nostro lavoro vuole dimostrare che il territorio, è parte di noi, è l’ambiente in cui cresciamo e a cui affidiamo il futuro delle nuove generazioni, abbiamo il dovere di trattarlo con cura e averne il massimo rispetto, la natura è un bene comune da salvaguardare e amare”.

    La Racchetta Panzano in Chianti

    Tanti sono gli obiettivi, i progetti e gli interventi culturali e ambientali messi a segno dal Gruppo San Michele GEV, presieduto da Andrea Garuglieri.

    “Un bilancio di cui siamo ampiamente soddisfatti – afferma – In questi 30 anni, spinti da una passione profonda, abbiamo tradotto in realtà dei veri e propri sogni, come l’attività di studio e ricerca per la conoscenza e la valorizzazione del territorio, la didattica ambientale che conduciamo nelle scuole e nelle aree verdi”.

    E ancora, “la gestione del Museo San Francesco (con la creazione di una specifica sezione archeologica), la costruzione di una rete sentieristica nell’area di San Michele. Progetti che siamo riusciti a concretizzare grazie alla preziosa collaborazione dell’amministrazione comunale”.

    Gruppo San Michele GEV

    Altro percorso di fondamentale importanza per la coesione e la tenuta sociale del territorio è quello intrapreso dal Gruppo Insieme, costituito da una ventina di volontari e guidato da Stefano Carrai.

    “Sono trent’anni che ci dedichiamo alle esigenze quotidiane dei più fragili – dichiara Carrai – grazie ad un gruppo di circa venti volontari, animati da spirito altruistico, abbiamo attivato un centro di aggregazione rivolto agli adulti con bisogni speciali”.

    “E un’attività di supporto scolastico pomeridiano per i minori – ricorda – Il nostro obiettivo è renderci utili nell’ordinario per le persone in situazione di difficoltà”.

    Gruppo Insieme

    La Fondazione Cure2Children, introdotta nel territorio grevigiano da Marco Pratesi 15 anni fa, mette in campo il volontariato sociale per sensibilizzare sul tema delle malattie oncologiche che colpiscono i bambini e le bambine di tutto il mondo.

    “Al centro della nostra attività – spiega Pratesi – c’è la cura dei bambini, affetti da malattie oncologiche direttamente nel loro paese sostenendo lo sviluppo sanitario locale con progetti di assistenza avanzata”.

    Cure2Children ha coinvolto come testimonial anche quattro campioni mondiali grevigiani, tra cui Michele Romano, Francesca e Olivia Gentile, Alessandro Sereni, nella disciplina del karate, e la campionessa mondiale di nuoto Silvia Belli.

    Fondazione Cure2Children

    “Un ringraziamento sentito a tutte le volontarie e i volontari – tiene a dire il sindaco Paolo Sottani – che nei diversi ambiti agiscono spontaneamente, offrendo un importante contributo, teso a migliorare la qualità della vita di tutti e un supporto concreto, ordinario e straordinario, alla crescita del tessuto sociale, culturale e ambientale”.

    “Siamo felici – conclude – di avere evidenziato il ruolo del volontariato chiantigiano come risorsa preziosissima della nostra comunità, l’intento è quello di organizzare annualmente una cerimonia che celebri gli anniversari di tutte le associazioni e le società che operano nel nostro territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...