spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 18 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incidente del pullman dei ragazzi in Erasmus: autista scagionato da responsabilità

    Nello schianto del marzo scorso perse la vita anche la grevigiana Lucrezia Borghi. Familiari dei ragazzi increduli

    GREVE IN CHIANTI – Nessuna colpa per il conducente del pullman che nella notte del 20 marzo scorso è diventata la tomba per tredici ragazzi che stavano vivendo il progetto Erasmus in Spagna, fra i quali sette italiane. Fra loro anche la giovanissima grevigiana Lucrezia Borghi, 22 anni.

     

    A perdere la vita, insieme a Lucrezia, altre due studentesse toscane, Elena Maestrini, 21 anni di Gavorrano; Valentina Gallo, 22 anni, di Firenze. E poi la ventiquattrenne di Genova Francesca Bonello, Elisa Valent, Elisa Scarascia Mugnozza (Roma) e Serena Saracino (Torino).

     

    Ad archiviare il procedimento penale è stato il giudice istruttore del tribunale di Amposta, vicino a Tarragona, dove l'autobus si schiantò in un ammasso di lamiere.

     

    L'autista era stato denunciato, subito dopo l'incidente, per "omicidi per imprudenza". Pare infatti che dalla scatola nera del bus la polizia avesse rilevato numerosi cambi di velocità prima della perdita di controllo del mezzo e lo schianto con il guard rail. Secondo la stampa spagnola lo stesso autista ai tempi disse di essersi addormentato.

     

    Non sarebbero state rilevate invece, sempre dal giudice, evidenze in merito a eventuali utilizzi di cellulare da parte dell'autista, turni di riposo saltati, eccessiva velocità.

     

    Rabbia e indignazione da parte dei familiari delle vittime: c'è chi si chiude in un doloroso silenzio e chi invece annuncia ricorsi e di rivolgersi all'Unione Europea.

     

     

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...