spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel cast del film (un giallo), anche Sergio Forconi, Niki Giustini, Graziano Salvadori

    MONTEFIORALLE (GREVE IN CHIANTI) – Sono iniziate lunedì 18 novembre le riprese di “Storia di un Inganno”, film giallo scritto e diretto a quattro mani da Alessandro Ingrà  e Massimo Di Stefano (opera prima per entrambi).

     

    Cast eterogeneo, che oltre a molti attori emergenti annovera nomi ben noti come Sergio Forconi, Niki Giustini, Gianni Giannini, Graziano Salvadori, Amedeo Visconti.

     

    I primi shot, nella location suggestiva del borgo di Montefioralle. Fra rintocchi di campane e autocarri di operai agricoli di passaggio, le riprese assumono a tratti un connotato eroico, che aumenta quando sul set arriva un vento gelido che amplifica il primo freddo di novembre.

     

    "Oggi inizia un percorso che durerà diversi mesi – spiega Alessandro Ingrà – e porterà all'uscita di un prodotto davvero stimolante. Tutti saranno curiosi di vedere nomi arcinoti della comicità italiana chiamati per la prima volta a interpretare ruoli drammatici, in un film tipicamente di genere che di comico non ha niente".

     

    L'opera ha il patrocinio del Comune di Greve in Chianti ("a proposito, un grazie di cuore al sindaco Alberto Bencistà e alla dipendente comunale Alessandra Molletti, molto disponibile nei nostri confronti"), dove si svolgerà la maggior parte delle riprese.Che si estenderanno poi a Fiesole e Firenze.

     

    I canali di distribuzione saranno molteplici, "ma si inizierà sicuramente dal grande schermo –  assicura Alessandro – dove il film arriverà in primavera".

    di Leonardo Pasquinelli

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...