spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sushi in Chianti, a grande richiesta aumentano anche i tavoli per mangiare all’aperto

    Sotto la grande loggia in piazza delle Cantine, un angolo in cui l'estate si vive fra super sushi, vino, birre artigianali ghiacciate. Proseguono anche asporto e consegne e casa. E tante novità settimanali

    GREVE IN CHIANTI – E’ arrivato il caldo. E tutti hanno voglia di mangiare fuori.

    E allora cosa può esserci di meglio di un ottimo sushi con del vino fresco o una birra artigianale ghiacciata? E un tavolo in una piazza caratteristica di Greve in Chianti?

    Poco. Niente diremmo. E infatti, per soddisfare le tante richieste, da Sushi in Chianti, in piazza delle Cantine, sono aumentati i tavoli per mangiare all’aperto.

    “Spinti dai nostri clienti e dai tanti turisti che si fermano – dice Francesco – siamo riusciti ad ampliare i tavoli esterni”.

    “Stiamo dando un vero significato – prosegue – ad una grande loggia, caratteristica della Toscana. E stiamo dando finalmente il valore che merita a questa splendida piazza, con la Greve che scorre vicino e il pavimento tutto in cotto: era davvero un peccato vederla sempre vuota”.

    “Un’ulteriore novità della settimana – annuncia – sono i pezzi di Nighiri, Sushi e Carpaccio con la Corba Rossa del Gargano“.

    Ci spiega che ci tratta di “un’ombrina che ci ha fatto provare la nostra pescheria di fiducia, descrivendola come un pesce dal sapore dolce e delicato, di colore rosato, che diventa bianco quando si cuoce”.

    “E’ perfetta per essere servita cruda o marinata – aggiunge – Infatti l’abbiamo finita tra giovedì e venerdì. Stavolta l’abbiamo riordinata, e in maggior quantità: sinceramente vi consiglio di provarla e quindi di prenotarla il prima possibile”.

    “Ovviamente continuiamo anche con il servizio di asporto e consegne a domicilio – rassicura per tutti coloro che vogliono il sushi a casa – Continuano le collaborazioni con gli agriturismi e stiamo programmando altre serate con dei locali, per abbinare il nostro sushi ai loro prodotti, che siano degustazioni di vini o serate di cocktail e musica”.

    “Cerchiamo di essere una fucina di idee – prosegue – sempre volte a creare qualcosa di nuovo ed accattivante per i nostri clienti”.

    Le consegne a domicilio raggiungono quasi tutto il Chianti (ed oltre): comprendono Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano (fino al Bargino), Radda in Chianti, Barberino Tavarnelle, Bagno a Ripoli (anche Grassina) e San Donato in Poggio.

    I ritiri e le consegne iniziano il giovedì sera dalle 18 e terminano la domenica alle 14.

    “Per le ordinazioni – conclude Francesco – potete usare la nostra WebApp, dove troverete il menu dettagliato, www.sushinchianti.it disponibile h24, 7 giorni su 7, oppure tramite WhatsApp al numero 3926468943“.

    Sushi in Chianti, una delle grandi novità di questi giorni. l’Ombrina del Gargano. Favolosa!

    📍 Indirizzo: piazza delle Cantine 43, Greve in Chianti

    💻 Sito web/Web App: www.sushinchianti.it

    📱 Cellulare/Whatsapp: 3926468943

    🛍 Shopfan: https://shopfan.io/shopper

    👉 Facebook: https://www.facebook.com/groups/478773787260269

    👉 Instagram: https://www.instagram.com/sushi.in.chianti/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...