spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    TOTO GIUNTA/ Greve in Chianti: per ora i sicuri sono solo Monica Toniazzi e Giulio Saturnini

    I due super votati come preferenze sono praticamente già in giunta comunale. Adesso Sottani deve riflettere sugli altri tre posti da assegnare

    CHIANTI FIORENTINO – A urne chiuse e risultati certificati, l’attenzione si sposta inevitabilmente sulla composizione delle giunte comunali.

    Che, inevitabilmente, risentono anche degli equilibri certificati dai numeri: di “rimbalzo” quelli delle europee; quelli delle preferenze raccolte dai candidati al consiglio comunale; e, in comuni sopra i 15mila abitanti, con più liste a sostegno dei candidati sindaco, di quelli delle singole formazioni.

    E anche di quelli interni al partito di maggioranza relativa, ovvero il Pd, con le sue due “anime” uscite dal congresso nazionale dello scorso anno.

    Andiamo quindi a vedere cosa potrebbe accadere a San Casciano, Barberino Tavarnelle e Greve in Chianti, ovvero i tre comuni dell’Unione comunale del Chianti fiorentino.

    Dove sono stati confermati i tre sindaci uscenti: David Baroncelli (Barberino Tavarnelle, secondo mandato, terzo se si considera anche quello da sindaco di Tavarnelle); Paolo Sottani (Greve in Chianti, terzo mandato); Roberto Ciappi (San Casciano, secondo mandato).

    Per adesso bocche stra-cucite. Con la volontà, da parte dei sindaci, di scegliere al meglio e creare equilibri stabili, sia dentro che fuori dai palazzi comunali.

    Da sinistra: David Baroncelli, sindaco di Barberino Tavarnelle; Paolo Sottani, sindaco di Greve in Chianti; Roberto Ciappi, sindaco di San Casciano

    GREVE IN CHIANTI

    Giunta uscente

    PAOLO SOTTANI_ Sindaco con delega a Governo del Territorio, Urbanistica ed Edilizia, Bilancio, Finanze Tributi, Rapporti con Società Partecipate, Politiche per lo Sport, Caccia, Affari Generali, Patrimonio, Servizi a rete, Protezione Civile, Politiche Agricole, Pesca, Servizi Bibliotecari, Attuazione del Programma, Gemellaggi

    MARIA GRAZIA ESPOSITO_ Assessore con delega a Istruzione, Politiche educative, Formazione, Pari opportunità, Politiche dell’immigrazione

    STEFANO ROMITI_ Assessore con delega a Lavori Pubblici, Ambiente, Progettazione, Reperimento risorse da altri Enti, Personale, Mobilità e Trasporti, Digitalizzazione

    GIULIO SATURNINI_ Vicesindaco e Assessore Esterno con delega a Sviluppo Economico, Cultura, Promozione Turistica e Eventi, Comunicazione e Partecipazione

    ILARY SCARPELLI_ Assessore con delega a Politiche Sociali e Sanità, Politiche Abitative, Associazionismo Socio Sanitario, Politiche giovanili

    A Greve in Chianti cosa potrebbe accadere? Partiamo dalla certezza: Monica Toniazzi (Pd area-Schlein).

    Già in predicato-giunta prima del voto, il risultato clamoroso in termini di preferenze (oltre 500) la insedia di diritto: con probabile nomina anche a vicesindaca.

    In fortissimo odore di conferma Giulio Saturnini: anche per lui una valanga di preferenze (420).

    Da capire se Italia Viva avrà un posto in giunta: nel caso il nome unico è quello di Paolo Tepsich.

     

    Il terzo in ordine di preferenze nella lista “sottaniana” è il commerciante stradese Gregorio Parrini, con tanto di “endorsement” del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. Qui però le certezze sono minori.

    Altra candidata con molte preferenze (276) e assessora uscente, Ilary Scarpelli.

    Conterà anche la volontà, espressa a più riprese dal sindaco Paolo Sottani al momento della sua candidatura al terzo mandato, di creare anche le situazioni per fare crescere chi, nel 2029, potrà concorrere alla sua successione.

    Del resto, quello della mancanza di candidati “pronti”, è stato uno dei motivi che lo hanno spinto a ricandidarsi… .

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA


    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...