spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 27 e domenica 28 ottobre i “gemelli” tedeschi cucinano cena e pranzo

    Due giorni davvero speciali in arrivo al circolo Arci di Chiocchio, dove si mangerà… tedesco. E’ infatti in arrivo una delegazione del comune di Veitshochheim, che il 27 e il 28 ottobre cucineranno (negli spazi del circolo) i migliori piatti della loro tradizione gastronomica.

    Un week end gustoso, che metterà a tavola le regioni del Chianti e della Franconia (Baviera a nord del Danubio) in un tripudio di sapori eccezionale (per chi volesse partecipare è gradita la prenotazione al numero telefonico del circolo, 0558572089).

    Il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà sarà presente al pranzo della domenica, quando saluterà i “gemelli tedeschi” ai quali consegnerà una targa, che verrà posta nel palazzo comunale di Veitshochheim, in cui si evidenzia l’amicizia nata nell’ambito di questo che è uno dei gemellaggi storici per quanto riguarda la comunità grevigiana. Un bel rapporto italo-tedesco destinato a durare nel tempo.

     

    Sabato 27 ottobre cena dalle 19 alle 23: antipasto con salumi tradizionali, zuppa di brodo di carne con canederli al fegato, salsiccia bavarese con crauti e purè di patate, frittelle di mele con crema di vaniglia. Domenica 28 ottobre pranzo dalle 12 alle 15.30: antipasto con salumi tradizionali, zuppa di patate con pancetta, bistecchina di maiale salmistrata con crauti e purè di patate, ciambelle.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...