spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 20 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Tavarnuzze riapre il punto prelievi della Misericordia del Galluzzo

    Da sabato 2 settembre gli ambulatori saranno nuovamente accessibili alla cittadinanza. Prenotazioni già attive dal portale Zero Code di Regione Toscana

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Riaprirà sabato 2 settembre il punto prelievi ematici di Tavarnuzze, la struttura gestita dalla Misericordia del Galluzzo e convenzionata con la Asl Toscana Centro.

    A causa di lavori strutturali, gli ambulatori sono rimasti chiusi per molto tempo, causando disagi alla popolazione.

    Adesso, finalmente, si riapre: già da oggi tramite la piattaforma Zero Code di Regione Toscana, è possibile accedere alle liste di prenotazione.

    Prelievi su prenotazione: martedì, giovedì, sabato dalle 7 alle 9.

    Ritiro referti e prenotazioni: da lunedì a sabato dalle ore 9 alle ore 11 (da lunedì 28 agosto).

    “Come amministrazione esprimiamo grande felicità, con questa riapertura saremo nuovamente in grado di offrire un servizio molto utile alla cittadinanza di Tavarnuzze (e non solo)” dichiarano l’assessora alla salute Laura Fabbrizzi e il sindaco di Impruneta Riccardo Lazzerini.

    “Anche in questa occasione – concludono – la Misericordia ha dimostrato di essere una realtà di primissimo piano per il nostro territorio”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...