spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alla guida del Sant’Antonio dal 2007: Giovanni Poggini riconfermato presidente

    "Considera il rione una famiglia - dicono dal rione - tanto che a volte (tante volte) trascura la famiglia naturale per la famiglia acquisita"

    IMPRUNETA – Una vera e propria istituzione per il rione bianco: Giovanni Poggini è stato confermato, ancora una volta, presidente del rione del Sant’Antonio.

    “A seguito delle elezioni rionali del 17 dicembre – fa sapere il rione – gli eletti si sono riuniti in data 28 dicembre e hanno indicato Giovanni Poggini come presidente”.

    E ancora, “Marcello Lapini come vicepresidente, Francesco Venturi come cassiere e Tery Chiarugi come segretario”.

    “L’assemblea dei soci riunitasi il 9 gennaio – si dice ancora dal rione che prende il nome dal monte sotto il quale ha la sede – ha ratificato tali nomine all’unanimità”.

    “Nato sotto il vessillo di Sant’Antonio – si ricorda a proposito del presidente Poggini – ricopre la carica di presidente con amore e passione dal 2007”.

    “Considera il rione una famiglia – è la conclusione – tanto che a volte (tante volte) trascura la famiglia naturale per la famiglia acquisita. A lui e a tutto il consiglio un grande augurio di buon lavoro”.

    Il rione del Sant’Antonio, dopo un periodo difficile, ha iniziato una cavalcata trionfale che, ancora oggi, lo vede come il “rione da battere”.

    Guardando l’albo d’oro della Festa dell’Uva infatti, si nota che dal 2014 al 2022 (con l’esclusione di 2021 e 2020, annate senza sfilata a causa del Covid) il rione Sant’Antonio ha vinto cinque edizioni su sette.

    E, in ognuna di esse, alla guida c’era Giovanni Poggini.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...