spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Pozzolatico: “Verificare i motivi dei movimenti dell’asfalto e rimediare”

    POZZOLATICO (IMPRUNETA) – Preoccupanti avvallamenti sulla via Imprunetana per Pozzolatico: "Possibile trovarsi davanti ad una… “dolina carsica”" si chiedono i Verdi per Impruneta.

     

    "Scendendo da Impruneta – dicono ancora – all'ultima curva prima del circolo ricreativo, ci si imbatte in questo inconsueto movimento del terreno asfaltato. Un avvallamento lungo alcuni metri, che richiama la classica forma della cosiddetta “dolina a banana”, con la fratturazione della sua crosta centrale che favorisce la penetrazione dell'acqua piovana nelle vie sotterranee. Il sito è quindi divenuta meta costante di visite da parte di curiosi, tecnici e amanti di fenomeni geologici da tutelare…".

     

    "Altri in paese – proseguono – rammentano di quando alcuni anni fa,  in occasione dei lavori di escavazione della nuova Galleria di Pozzolatico, connessa ai lavori di ampliamento della Terza corsia della A1,  i lavori furono interrotti e dovette essere effettuato un consolidamento del terreno nel campo che si trova poche decine di metri più a monte, di lato alla via Imprunetana".

     

    "Occorre quindi accertare subito – dicono i Verdi per Impruneta – se a Pozzoltico abbiamo davvero un caso unico di dolina asfaltata in Europa o individuare quali siano invece gli altri eventuali motivi dell'asfalto in movimento, per porvi pronto rimedio".

     

    "Una cosa è evidente – concludono – una strada di questa importanza e transito di veicoli è da dubitare che possa continuare a permanere in queste condizioni, mettendo a rischio (ancor più con la stagione invernale) coloro che la percorrono giornalmente".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...