spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un buon numero di iscritti, ma si può ancora partecipare

    Ripartiti anche quest’anno con un buon numero di iscritti, 22 persone, i corsi di Attività Fisica Adattata (AFA) promossi dal Comune di Impruneta insieme alla Società della Salute Sud Est, all’Unità Operativa di Riabilitazione Funzionale della Asl, con la collaborazione della Uisp Firenze. I corsi si rivolgono a persone, soprattutto anziane, in situazioni motorie croniche stabilizzate (rachialgie, sciatalgie, dolori all’anca e tutte quelle algie dovute a un movimento scarso).

     

    Come lo scorso anno, gli incontri si tengono presso il salone della Casa del Popolo di Impruneta (via della Croce 39) nei due giorni di mercoledì e venerdì dalle 9 alle 10 e dalle 10 alle 11. Il corso è tenuto da personale qualificato e i programmi di esercizio sono studiati appositamente per rispondere alle specifiche esigenze legate alle differenti condizioni croniche dei partecipanti.

     

    “Dopo il gradimento e l’ampia partecipazione di un anno fa – dichiara l’assessore alle politiche del Welfare e della Salute, Paolo Poggini – abbiamo deciso di riproporre il programma di Attività Fisica Adattata che oltre a favorire l’attività fisica di gruppo e a offrire programmi di esercizio personalizzati, dà la possibilità di stare insieme e di socializzare. Per questo rinnoviamo l’invito a partecipare a tutti coloro che potranno farlo dopo aver sentito il parere del proprio medico di famiglia”.

     

    Per dare a tutti la possibilità di partecipare al corso viene applicata, secondo le indicazioni della Regione Toscana, una tariffa “sociale” di 2 euro a lezione. Chi vuole iscriversi può telefonare al numero verde 800801616 dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 18.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...