spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Danneggiamento del presepe in piazza Duomo: identificati e denunciati tre giovani

    E' quello realizzato dal maestro fornacino di Impruneta, Luigi Mariani: la loro età è compresa tra i 17 e i 19 anni

    IMPRUNETA – A seguito della denuncia sporta la scorsa settimana dall’Opera di Santa Maria del Fiore, i carabinieri della Stazione Uffizi, al termine di rapide e intense indagini, hanno identificato tre giovani, di età compresa tra i 17 e i 19 anni e residenti in provincia di Savona, ritenuti responsabili di “offesa ad una confessione religiosa mediante vilipendio o danneggiamento di cose”.

    Dall’analisi dei filmati registrati sia dal circuito di videosorveglianza interno al presepe che da quello urbano, è emerso che tre ragazzi nella notte tra l’1 e il 2 gennaio, tra le ore 3.30 e le 3.40, erano entrati più volte all’interno della capanna del presepe di piazza Duomo.

    Motivo? Per farsi fotografare in varie pose, con le statue in terracotta a grandezza naturale, realizzate in pezzi unici, a mano, da Luigi Mariani, artigiano della storica fornace M.i.t.a.l. di Impruneta.

    Prelevando la statua del Bambin Gesù, della Madonna e della pecora e sollevandole come un trofeo, stendendosi nel giaciglio del Bambinello e abbracciando la statua di San Giuseppe.

    Nella circostanza, la statua del Bambin Gesù era stata danneggiata con la rottura di quattro dita del piede destro.

    In base a quanto accertato, i tre ragazzi identificati si trovavano a Firenze per finalità turistiche insieme ad altri coetanei, in occasione del Capodanno, e soggiornavano in una struttura ricettiva nei pressi del Duomo.

    I tre, rintracciati presso il luogo di residenza dal competente Comando dell’Arma, hanno ammesso le loro responsabilità riferendo tuttavia di non essersi accorti del danneggiamento di statue.

    A quel punto, essendo emersi elementi indiziari nei loro confronti, i tre sono stati indagati per le ipotesi di reato indicate. Il procedimento penale si trova ora nella fase delle indagini preliminari.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...