spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Etruschi, una passione da diffondere. Sabato 14 gennaio a Impruneta “La disputa sul Fanum Voltumnae”

    Codazzi ci accompagna nella riscoperta di una civiltà che, per nove secoli, ha popolato l'Italia centrale, compresi i territori del Chianti e di Impruneta

    IMPRUNETA – Etruschi, una passione da diffondere. Sabato 14 gennaio 2023 a Impruneta “La disputa sul Fanum Voltumnae”.

    Nella biblioteca comunale, alle 16.30, l’incontro con Paolo Codazzi e Luigi Catena.

    Romanziere e appassionato studioso di storia antica e etruscologia, Paolo Codazzi affronta in tre nuove conferenze, in tre sabati con lo stesso orario alle 16.30 e alla presenza dell’assessore alla cultura Sabina Merenda, elementi particolari legati all’etruscologia.

    Il prossimo appuntamento, sabato 14 gennaio, verte su “La disputa sul Fanum Voltumnae”. Con Codazzi interverrà Luigi Catena etruscologo e topografo storico del territorio bolognese.

    Il primo incontro si è svolto sabato 19 novembre su “La scoperta della Flaminia Militare”, strada romana costruita dal console Caio Flaminio nel 187 a.C. e che collegava Felsina (Bologna) con Arretium (Arezzo).

    La conferenza è stata arricchita da un video registrato dai due scopritori. Quindi a dicembre incontro su “La scoperta di Vetulonia”.

    Attraverso i tre incontri, introdotti da Sabrina Merenda, Codazzi ci accompagna nella riscoperta di una civiltà che, per nove secoli, ha popolato l’Italia centrale, compresi i territori del Chianti e di Impruneta.

    Al centro le origini, lo sviluppo, il mito e le curiosità sugli Etruschi.

    Paolo Codazzi, autore di raccolte di racconti e romanzi come “Segreteria del caos” (2006), “Il destino delle nuvole” (2009) e “La farfalla asimmetrica” (2014), “Il pittore di ex voto” (2017) e il recente “Lo storiografo dei disguidi” (Arkadia, 2021), fondatore della rivista Stazione di Posta, è studioso di storia antica e collaboratore per quotidiani e periodici. Ha fondato il Premio Letterario Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...