spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa dell’albero nelle scuole: la maratona di piantumazione in sette plessi di Impruneta

    Con il supporto dell'amministrazione comunale di Impruneta e la partecipazione dei carabinieri forestali di San Casciano

    IMPRUNETA – In collaborazione con la stazione carabinieri forestali di San Casciano, dei giardinieri messi a disposizione dal Comune di Impruneta, con il saluto della Stazione dei carabinieri di Impruneta, presenti l’assessore all’istruzione Sabrina Merenda, il dirigente scolastico Marco Poli e la vicepreside Cristina Matteuzzi, si è svolto lunedì 21 novembre un evento che ha coinvolto i bambini della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria.

    Che hanno messo a dimora giovani piantine in spazi dedicati nei plessi scolastici “Alice Sturiale”, “Buondelmonti”, “Ghirlandaio”, San Gersolè, “Della Robbia” e “Paolieri”.

    La “Festa dell’albero” nelle scuole vuole incoraggiare negli alunni una coscienza ecologica, come occasione di riflessione sul ruolo imprescindibile dei boschi e delle foreste nel mantenimento dell’equilibrio ambientale.

    “Una vera maratona dal cuore verde – sottolinea l’assessora Merenda – con appuntamenti in ogni plesso scolastico dalla mattina alle 10 fino al pomeriggio alle 16. Un tributo in onore della natura, del rispetto dell’ambiente e di una educazione ecologica”.

    “Sono state piantumate piante di varia tipologia – racconta – come ciliegi, quercia e altre di selezione particolare. Insieme a dirigente e vicepreside e a me, tutti i coordinatori e i docenti di ogni ordine e grado”.

    “Meraviglioso – riflette – il momento della consegna di un album di poesie con la Storia degli Alberi della Vita, consegnata dalle quarte e quinte elementari di Tavarnuzze, poi lette ad alta voce, nel giardino della scuola “Domenico Ghirlandaio”, per continuare poi con le canzoni ballate intorno al grande albero della “Paolieri”, inventate dalle classi Elementari di Impruneta, con la recita finale anche qui di poesie”.

    “Entusiasti e curiosi – dice ancora l’assessora – i piccoli dellescuole di infanzia, che tutti per mano hanno ringraziato la natura, i più piccoli delle elementari che seguivano i carabinieri della Forestale con le loro spiegazioni, così i ragazzi delle scuole medie, impegnati in ascolti più profondi. Un campus di vita, didattica e di gioia”.

    L’assessora ringrazia la scuola, il dirigente Marco Poli, tutti i docenti, il maresciallo dei carabinieri della forestale con la sua squadra, i carabinieri della Stazione di Impruneta e i giardinieri in azione.

    “Una giornata in cui abbiamo corso tanto, con ritmi serrati, per riuscire a rispettare gli orari scolastici e nel frattempo creare un unico giorno celebrativo, originale nel suo genere  – continua l’assessora – Ogni età evolutiva ci ha regalato attenzione e passione per la natura, la cura, oltre che affetto sincero per i nostri amici alberi”.

    “Significative ed emozionanti le danze e le canzoni intorno al grande albero – spiega – o i tanti disegni con poesie alzate al cielo, lette e perfino regalatemi. Qualcosa che ha un significato grandissimo per me. Queste iniziative funzionano perché fra le parti esiste sinergia e gli stessi obiettivi di creare giardini di conoscenza e sapere”.

    “Coronativo – conclude – il momento della consegna alle insegnanti della mascotte della Forestale, un’aquila chiamata Silvano. La giornata è stata benedetta dal sole e ha iniziato a piovere solo alla conclusione di tutto. Siamo stati audaci con il desiderio di stare all’aria aperta e felici di quella che è stata una festa per tutti i bambini e anche per noi nel vederli così felici in mezzo ad un cuore verde.”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua