spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Pubblica Assistenza di Tavarnuzze inaugura la fisioterapia

    Domenica 12 novembre in occasione della Festa del Volontariato la presentazione delle novità agli studi medici

    IMPRUNETA – Gli studi medici della Pubblica Assistenza di Tavarnuzze aprono alla fisioterapia e la novità sarà presentata domenica 12 novembre alle 17 durante la festa del volontariato.

     

    “Offrire un servizio completo di fisioterapia era uno degli obiettivi che ci eravamo prefissati – sostiene Matteo Aramini, responsabile della struttura –  Farlo grazie alla collaborazione di due professionisti come il dottor  Fabiano Giacchi ed il dottor  Fabio Popolizio è per noi di grande soddisfazione. Domenica presenteremo tutte le novità, una su tutte la parte strumentale che prevede terapie come Tecar, Laser Yag ad alta intensità, Magneto, Tens, Ultrasuoni ed Elettrostimolazioni”.

     

    Il settore fisioterapia si va ad affiancare alle altre specializzazioni della struttura. “Vogliamo che la nostra sia un’offerta completa e che l’utenza possa trovare da noi un’attenzione a 360 gradi, partendo da ortopedici, passando da osteopati, fisioterapisti e psicologi dello sport, fino ad arrivare alla parte strumentale sia di cura, sia di diagnostica come le ecografie. L’obiettivo, oltre all’importantissima prevenzione, è quello di curare tutti gli aspetti senza che l’utente debba poi muoversi in altre strutture per altri servizi”.

    Sempre alle stessa ora verrà presentata anche la nuova collaborazione col Gruppo Unipol Agenzia Chianti che prevede una convenzione per gli assicurati verso l’associazione e per i soci della Pubblica Assistenza verso la compagnia assicurativa.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...