spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, costituito il fondo di solidarietà alimentare: come contribuire

    Il sindaco: "La sensibilità di una comunità nel non lasciare indietro gli ultimi passa anche da qui"

    IMPRUNETA – "Diamo un aiuto concreto a chi ne ha davvero bisogno: con il fondo di solidarietà alimentare, persone fisiche ed enti non commerciali potranno detrarre, fino a un massimo di 30mila euro, il 30% dell’importo donato; deduzione integrale, invece, per i titolari di reddito d’impresa".

     

    Lo annuncia il sindaco di Impruneta, Alessio Calamandrei: "I benefici sono diversi a seconda se si tratta di persone fisiche ed enti non commerciali ovvero di soggetti titolari di reddito d’impresa: alla prima categoria di contribuenti spetta una detrazione parziale dalle imposte sui redditi, alla seconda la deduzione dal reddito d’impresa dell’intera erogazione".

     

    "Le persone fisiche e gli enti non commerciali – riprende – potranno detrarre dall’imposta lorda risultante dalla dichiarazione dei redditi da presentare l’anno prossimo il 30% delle erogazioni liberali in denaro e in natura effettuate nel 2020 a favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali (comuni, province, città metropolitane). L’ammontare della detrazione non potrà essere superiore a 30mila euro".

     

    "Invece – spiega ancora Calamandrei – per le erogazioni effettuate nel 2020 dai titolari di reddito d’impresa – sia soggetti Irpef che Ires – a sostegno delle misure di contrasto all’emergenza epidemiologica è prevista l’applicazione dell’articolo 27 della legge n. 133/1999, che dispone agevolazioni fiscali per le erogazioni in denaro fatte in favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o da altri eventi straordinari per il tramite di fondazioni, di associazioni, di comitati e di enti, come individuati dal Dpcm 20 giugno 2000".

     

    "In virtù di tale richiamo – rimarca – le erogazioni liberali in denaro e in natura effettuate per il tramite dei soggetti ora ricordati sono deducibili dal reddito d’impresa (senza la previsione di alcun limite quantitativo) e non sono soggette all’imposta sulle donazioni".

     

    Gli estremi del Conto Corrente sul quale fare la propria donazione sono i seguenti: Intestato a: “COMUNE DI IMPRUNETA – DONAZIONI EMERGENZA COVID-19” IBAN – IT 48 T 01030 37900 000000321265 Causale: "FONDO SOLIDARIETA' ALIMENTARE".

     

    E' un fondo destinato ad aiutare le famiglie in difficoltà con generi di prima necessità: "Sarà cura del Servizio Sociale – conclude Calamandrei – rendicontare su quanto riusciremo a raccogliere, e come verranno utilizzati tali fondi. La sensibilità di una comunità nel non lasciare indietro gli ultimi, passa anche da questi piccoli ma concreti gesti. Donare a chi, in questo momento così tragico ed unico per la nostra società, si trova in estrema difficoltà non riuscendo neanche a mettere insieme un pasto decente. Ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno partecipare a questo fondo aiutando i propri concittadini".

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...