spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / La Festa della Liberazione nel nostro territorio: qui… Impruneta

    "Importanza della memoria storica e dell'impegno per la pace, la giustizia e la tolleranza contro ogni forma di discriminazione e autoritarismo"

    IMPRUNETA – Questa mattina si sono tenute le celebrazioni del 25 aprile a Tavarnuzze e Impruneta, commemorando la fine dell’occupazione nazista e del regime fascista durante la seconda guerra mondiale.

    “Un momento – sottolinea l’amministrazione comunale imprunetina – che spinge la comunità a riflettere sull’importanza della memoria storica e sull’impegno per la pace, la giustizia e la tolleranza contro ogni forma di discriminazione e autoritarismo”.

    “Né liberi né liberati – si rilancia – le guerre, i morti sul lavoro, i femminicidi sono realtà che lasciano poco spazio per la celebrazione, se non per il legame con il passato che ci unisce”.

    “È necessario – viene ribadito – intraprendere un percorso di rigenerazione sociale, partendo dal senso di comunità e dall’importanza del dialogo faccia a faccia”.

    “Fortunatamente -a evidenziato il sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini – nel territorio esistono molte realtà associative che continuano a sostenere la coesione sociale ed è incoraggiante constatare come molte persone presenti alle celebrazioni di questa mattina credono ancora nell’importanza della comunità e della memoria”.

    “Senza riunirci come hanno fatto i nostri predecessori – ha dichiarato Lamberto Baccioni, rappresentante della Parrocchia Sacro Cuore di Tavarnuzze – non avremo futuro. Dobbiamo recuperare i valori del 25 aprile per salvare il mondo e riconoscere l’uguaglianza di tutti noi, che abbiamo un unico Dio anche se lo chiamiamo in modi diversi”.

    “L’ANPI – ha evidenziato Ambra Roncucci dell’ANPI di Impruneta – si impegna a sensibilizzare sull’inaccettabile disattenzione verso le questioni femminili, affrontando anche la problematica della legge 194″.

    “Allo stesso tempo – ha concluso – condanniamo fermamente i genocidi in corso, soprattutto nel Medio Oriente. È fondamentale per tutti ricordare i valori di libertà, diritti e democrazia e impegnarsi a sostenere la causa giusta”.

    L’amministrazione comunale ringrazia tutti i partecipanti e la Filarmonica “Giuseppe Verdi” di Impruneta per il loro sostegno.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...