spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli studenti del “Primo Levi” di Tavarnuzze in Sicilia nelle terre confiscate alla mafia

    Sono partiti questa mattina in 23. Viaggio-studio grazie al Piano metropolitano della Legalità

    IMPRUNETA – Ventitré ragazzi e ragazze dell’Istituto comprensivo “Primo Levi” di Tavarnuzze sono partiti questa mattina per un viaggio-studio nelle terre confiscate alla Mafia in Sicilia.

    Viaggio promosso dalla Città Metropolitana di Firenze a seguito della vincita del concorso tra scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione che hanno aderito al progetto del Piano metropolitano della Legalità.

    Ad accompagnarli le due professoresse, Elisabetta Farina e Paola Papini, insieme alla delegazione in rappresentanza della Città Metropolitana: Sandro Fallani, sindaco di Scandicci e consigliere metropolitana della Legalità; Brenda Barnini, sindaca di Empoli e vicesindaca Città Metropolitana; Andrea Vitali, consigliere delegato del Comune di Impruneta alla legalità; Diye Ndiaye, assessore alla legalità di Scandicci e coordinatrice del Tavolo della Legalità Città Metropolitana di Firenze.

    Nei tre giorni di viaggio i ragazzi faranno attività didattica e incontreranno anche don Luigi Ciotti, oltre a visitare un agrumeto a Belpasso e le città di Lentini e Catania.

    Il gruppo sarà ospitato presso la “Fattoria della Legalità”, che sorge in Contrada Cuccumella nel territorio di Lentini, in provincia di Siracusa.

    Una struttura realizzata grazie a un finanziamento di poco più di tre milioni di euro nell’ambito dei fondi del Programma operativo nazionale Sicurezza per lo sviluppo.

    La fattoria, inaugurata lunedì 22 giugno 2015 alla presenza di don Ciotti, sorge a dieci chilometri dal centro abitato, su quarantadue ettari di terreni, confiscati alla mafia e assegnati in comodato d’uso gratuito per venticinque anni alla cooperativa sociale “Beppe Montana”.

    Il progetto, finanziato dalla Città Metropolitana, attua l’Accordo di Rete denominato “Libera la tua terra per la promozione dell’educazione alla cittadinanza attiva e alla legalità”, firmato dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Firenze, dalla Città Metropolitana di Firenze.

    E dai Comuni di Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Firenze, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, Scandicci, Sesto Fiorentino, San Casciano e dalla Questura di Firenze.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...