spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comitato Gemellaggi di Impruneta per una orchestra di fiati europei: prima cena di auto finanziamento

    La presidente Lillian Kraft: "Progetto nell'ambito del rapporto di amicizia, che leghi le giovani generazioni di tre Paesi attraverso il linguaggio universale della musica"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Nei locali del circolo Arci di Tavarnuzze si è tenuta ieri, sabato 4 marzo, una cena di autofinanziamento e di lancio del progetto per una orchestra di fiati europea, EWA (Europe Wind Academy).

    “EWA – dice la presidente del Comitato Gemellaggi di Impruneta, Lillian Kraft – fa parte di un percorso triennale che stiamo realizzando con le città gemellate di Bellerive su Allier (Francia) ed Hadamar (Germania)”.

    “Nel quadro di un rapporto di amicizia – prosegue – che leghi le giovani generazioni dei tre Paesi attraverso il linguaggio universale della musica”.

    “Si tratta di stage intensivi – spiega ancora Kraft – che hanno coinvolto per tutta una settimana una ottantina di ragazzi: prima in Francia nel 2018 e poi in Germania nel 2019”.

    “Dopo il blocco per la pandemia – annuncia – dal 23 al 30 luglio sarà compito di Impruneta ricambiare organizzazione ed ospitalità per questa giovane orchestra”.

    “Che concluderà il suo ciclo – specifica – con il concerto finale, davanti alla nostra millenaria Basilica di Santa Maria all’Impruneta”.

    “La cena è stata un successo – conclude – ma avremo ancora bisogno della collaborazione di tutti per realizzare questo importante obbiettivo. E dare risalto alla nostra bella Impruneta”.

    La presidente del Comitato Gemellaggi di Impruneta, Lillian Kraft (foto di Claudio Guardi)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...