spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune di Impruneta: “Scuole, investiti altri 350.000 euro per la sicurezza e l’accoglienza”

    "Sono ormai in dirittura d'arrivo i lavori che anche quest'estate hanno interessato diversi plessi scolastici sul territorio comunale"

    IMPRUNETA – “Scuole, a Impruneta investiti altri 350.000 euro per la sicurezza e accoglienza degli ambienti”.

    Lo rende noto l’amministrazione comunale imprunetina, sottolineando “un impegno attento e costante per migliorare la sicurezza e la vivibilità degli ambienti dove i nostri ragazzi da settembre passeranno buona parte delle loro giornate”.

    “Sono ormai in dirittura d’arrivo – proseguono – i lavori che anche quest’estate hanno interessato diversi plessi scolastici sul territorio comunale, con un impegno di circa 200.000 euro per la progettazione e i lavori di consolidamento statico della materna di via Buozzi, di via Roma, della scuola media Ghirlandaio”.

    “In particolare – viene evidenziato – pilastri e alcuni solai sono stati consolidati a seguito di una attenta valutazione conoscitiva effettuata anche con saggi puntuali e analisi dei materiali”.

    “Anche le “cupoline” – proseguono dal palazzo comunale – le travi esterne di alcuni bagni, ed i lucernari della materna di via Buozzi, sono state completamente sanate e rifatte”.

    “Inoltre – si prosegue nel bilanvio – alcuni interventi sugli impianti di riscaldamento sono stati effettuati sia sulla materna di San Gersolé, dopo i lavori importanti già svolti l’estate scorsa, e sia alla scuola media Ghirlandaio, con il rifacimento di una intera colonna dalla caldaia per circa 48.000 euro totali”.

    “Sempre sulla Ghirlandaio – viene specificato – sono stati sostituiti due montascale, per la totale autonomia dei ragazzi con disabilità, per 37.000 euro”.

    “All’asilo Il Pepolino di via Cooperazione – prosegue l’amministrazione comunale imprunetina – è stato completato il marciapiede tutto intorno all’edificio e la recinzione, per un importo di circa 40.000 euro. Messo in sicurezza anche il muro del giardino della scuola elementare Alice Sturiale, per un impegno economico di 10.000 euro. Completano infine i lavori, la sostituzione e l’inserimento di nuovi tendaggi e le pulizie finali per 8.000 euro”.

    “Anche quest’anno l’impegno è stato importante – viene rivendicato – con un’organizzazione degli interventi partita già con il bilancio previsionale a dicembre 2021, e realizzata durante la pausa estiva senza impatto sulle attività didattiche, anche laddove i margini di intervento sono stati molto ristretti, come al Pepolino”.

    “Un impegno complessivo di quasi 350.000 euro investiti anche quest’anno nella scuola – si puntualizza – nella sicurezza, per rendere gli ambienti sempre più accoglienti e fruibili, grazie anche al lavoro certosino svolto negli anni passati per migliorare la situazione complessiva del bilancio del comune, liberando risorse sempre maggiori da investire senza creare nuovo debito”.

    “Il servizio lavori pubblici – è la conclusione – ha già chiari i prossimi interventi di manutenzione e altre migliorie da programmare per l’estate prossima e gli importi necessari saranno inseriti nel bilancio previsionale 2023 la cui approvazione è prevista a dicembre”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...