spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, continua l’attuazione del protocollo fra Comune e Promel per orientamento giovani

    Open day dell'azienda delle Cascine del Riccio con i ragazzi di terza media interessati al percorso, insieme anche a studenti di scuole superiori

    CASCINE DEL RICCIO (IMPRUNETA) – Sabato 22 gennaio, presso l’azienda Promel, alle Cascine del Riccio (Impruneta), si è tenuto l’Open day con i ragazzi interessati al percorso per le classi terze medie dell’Istituto Comprensivo “Primo Levi”, insieme anche a studenti di altre scuole superiori ad indirizzo tecnico come il “Meucci” e il “Gobetti-Volta”.

    L’open day è stato organizzato da Promel per coinvolgere maggiormente i ragazzi, in procinto di fare una scelta di orientamento verso le scuole superiori, oppure lavorativa o universitaria, nel progetto formativo e di tutoraggio che l’azienda ha intrapreso in collaborazione con l’amministrazione comunale grazie alla firma di un protocollo congiunto, per dare concretezza al collegamento tra scuola e lavoro.

    Il Comune, infatti, si è impegnato a favorire il coinvolgimento e la collaborazione con altri enti e organismi di ricerca e a divulgare, promuovere e supportare attività di orientamento e formazione delle nuove generazioni, attraverso progetti sostenuti da Promel stessa.

    Allo stesso tempo, l’impresa si è impegnata a consolidare una filiera di produzione e fornitura territoriale e regionale e ad organizzare una formazione in azienda, seguendo i ragazzi sin dalla scuola secondaria inferiore.

    La giornata di sabato, dove la società ha presentato la sua proposta di un percorso di tutoraggio e formazione, ha visto l’adesione in totale di una quindicina di ragazzicon le loro famiglie, dopo il primo contatto informativo all’open day di novembre nelle scuole imprunetine, dove la Promel è stata tra i protagonisti con un suo stand, con la presenza anche degli assessori competenti.

    L’azienda, lo ricordiamo, si occupa di progettazione e costruzione di sistemi ed apparati elettronici, elettrici, meccanici ed ottici per grandi multinazionali di settore ad alto contenuto tecnologico.

    Tommaso Cecchi, amministratore delegato della Promel, dichiara: “È stata un esperienza sicuramente da ripetere. Abbiamo accolto ragazzi e ragazze del IC Primo Levi di Impruneta e degli istituti tecnici del territorio fiorentino”.

    “È stata un’occasione – prosegue – per far vedere la nostra realtà aziendale e suscitare interesse verso il settore meccanico e dell’automazione. Abbiamo rinnovato la nostra proposta di tutoraggio verso i ragazzi che proseguiranno con un percorso di studi di tipo tecnico, ed abbiamo già i primi studenti di questo possibile nuovo percorso formativo”.

    “Un altro piccolo passo – conclude Cecchi – verso la definizione della Scuola Promel, che adesso possiamo dire sta davvero prendendo forma”.

    Gli assessori Matteo Aramini (sviluppo economico) e Sabrina Merenda (formazione e politiche giovanili), i cui assessorati hanno promosso il protocollo, ringraziano la Promel “per la disponibilità nell’accogliere i ragazzi e le famiglie in un percorso che, oltre a supportare la loro scelta di orientamento, può metterli in contatto con le realtà del mondo del lavoro sul territorio e far toccare con mano il futuro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...