spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, gatto intrappolato per una notte in un laccio illegale: i carabinieri denunciano un minorenne

    Interpellato dai militari, alla presenza del padre, il ragazzo avrebbe raccontato di aver agito così per emulare dei video di cattura di animali selvatici visti in rete

    IMPRUNETA – Tutto è partito da un gatto, rimasto intrappolato per una notte in un laccio illegale teso nella campagna imprunetina. Fino alla denuncia di un minorenne. Ma procediamo con ordine.

    I militari del Nucleo carabinieri forestale di San Casciano, dopo aver ricevuto  la segnalazione da parte di un privato cittadino, sono intervenuti in un’area boscata nella campagna di Impruneta.

    L’uomo aveva dichiarato che il proprio gatto era rimasto intrappolato (ma fortunatamente sopravvissuto) per una notte intera in un laccio metallico, illecitamente utilizzato per la cattura di animali.

    I carabinieri forestali hanno quindi fatto partire un’attività di indagine.

    Dopo aver individuato il luogo e ispezionato i dintorni, hanno provveduto a monitorare la situazione con sopralluoghi mirati e con l’utilizzo di tecnologie in dotazione al reparto, verificando che non ci fossero animali intrappolati e disarmando ogni volta il laccio.

    Dalle verifiche svolte è stato individuato un ragazzo che, periodicamente, innescava e posizionava alcuni lacci, costituiti da una fune in acciaio a scorsoio, a ridosso di una recinzione perimetrale. E in prossimità di un varco della stessa.

    Varco appositamente creato (o lasciato volutamente libero) per permettere il passaggio di animali di piccola taglia.

    Il luogo dove è stato visto il ragazzo che maneggiava i lacci metallici è risultato essere lo stesso punto dove, qualche giorno prima, era rimasto intrappolato il gatto.

    E’ stata quindi effettuata una visura catastale dei terreni, e con l’approfondimento anagrafico effettuato presso il Comune di Impruneta, i carabinieri forestali hanno identificato il ragazzo.

    Si tratta di uno studente, ancora minorenne, che è stato segnalato all’autorità giudiziaria per maltrattamento di animali, ai sensi dell’art. 544 ter del codice penale.

    Interpellato dai militari, alla presenza del padre, il ragazzo avrebbe raccontato di aver agito così per emulare dei video di cattura di animali selvatici visti in rete.

    I due lacci sono stati posti sotto sequestro penale.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...