spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 19 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, piange il rione delle Fornaci: l’addio a Samanta Picchianti. Aveva solo 50 anni

    Viveva a Grassina (dove domani si terranno i funerali) e un legame strettissimo con il rione rosso. Il presidente Nicola Nidiaci: "Una perdita che ci ha scossi"

    IMPRUNETA – E’ fortissimo il dolore dei rionali delle Fornaci, a Impruneta. 

    Come (ovviamente amplificato) quello dei familiari. Di chi conosceva Samanta Picchianti.

    Venuta a mancare stanotte, dopo una malattia che non le ha lasciato scampo.

    Aveva solo 50 anni Samanta, una famiglia con due figli, viveva a Grassina.

    Si stringe il cuore nel vedere la foto qua sopra, lo sguardo verso un cielo dal quale cadono fiocchi di neve. In un misto fra gioia e stupore.

    Samantha che al rione rosso delle Fornaci teneva moltissimo: era rionale da sempre, per motivi di salute purtroppo negli ultimi tempi aveva potuto frequentarlo meno.

    “Stava coinvolgendo in questa passione anche i due figli – dice Nicola Nidiaci, presidente delle Fornaci, che la ricorda a nome di tutti i suoi rionali – per mantenere saldo questo legame”.

    “Siamo scossi per questa perdita – conclude Nidiaci – che va a colpire una donna giovane, una mamma. Non ci sono davvero parole”.

    Per chi volesse salutarla, può farlo alla cappella del commiato dell’Antella oggi fino alle 18. E poi domattina dalle 8.

    Il funerale sarà poi alle 10.30 nella chiesa di San Michele Arcangelo, a Grassina.

    In ricordo di Samanta Picchianti: una lettera piena di dolore e amore, che ci racconta il dono dell’amicizia

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...