spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Variazioni di bilancio: io pongo domande agli assessori, ma loro non sanno rispondere”

    Matteo Zoppini (Centrodestra per Impruneta): "Come sempre nessun dettaglio sulla destinazione delle risorse"

    IMPRUNETA – "Nello scorso consiglio comunale ho provveduto a porre alcune domande puntuali e precise agli assessori Luca Binazzi con deleghe al bilancio e Laura Cioni con deleghe ai servizi sociali. E non hanno saputo rispondere".

     

    A dirlo è Matteo Zoppini, consigliere comunale del gruppo di opposizione Centrodestra per Impruneta: "La discussione – spiega Zoppini – verteva sulla nostra ormai mensile variazione di bilancio, segno evidente di un'incapacità di visione e gestione che porta a spostare sempre di corsa e all'ultimo i danari nelle questioni più urgenti. Anche se da un lato, e lo dico con molto rammarico, la variazione mensile di bilancio ci rassicura circa la convocazione dei consigli comunali almeno una volta al mese".

     

    "Sembra un paradosso – rimarca – ma l'incapacità gestionale di questa amministrazione è uno dei pochi presidi di garanzia di convocazione dei consigli che altrimenti non avremmo con cadenza mensile".

     

    "Nello specifico – racconta ancora – chiedevo ragguagli sulla direttiva della giunta comunale numero 132 di settembre 2019 con la quale venivano allocate diverse risorse danarose. Il problema, come sempre, sta nella poca precisione e superficialità con la quale queste direttive sono scritte: nessun dettaglio, nemmeno riassuntivo, sull'esatto utilizzo dei danari. Di questo potete certamente rendervene conto cercando la direttiva sul sito web dell'ente. Essendo quindi deciso ad approfondire la voce delle spese dei servizi sociali e della riscossione delle multe all'estero ho domandato maggiori lumi alla giunta comunale che per bocca dell'assessore Binazzi mi ha risposto che il luogo competente per queste domande non è il consiglio comunale".

     

    "Sì – dice ancora Zoppini – avete capito bene secondo questa giunta in consiglio comunale non possono essere poste domande sui punti all'ordine del giorno poiché sono, a loro dire, domande troppo specifiche e quindi meritevoli di approfondimenti in altre sedi. Roba che non sta né in cielo né in terra: per loro un consigliere nel massimo luogo deputato alla discussione e trattazione degli argomenti posti all'ordine del giorno che è il consiglio comunale dovrebbe votare e basta, magari stando anche zitto per non perdere tanto tempo".

     

    Continua Zoppini: "La scusa della non competenza della sede è evidentemente necessaria a mascherare la loro incompetenza. Questa amministrazione non fa altro che parlare dei pochi fondi dell'Ente e della mancanza di danari per qualsiasi settore ed attività e quindi una volta che vengono allocati 31.500 euro per i servizi sociali l'assessore competente non sa per cosa vengono utilizzati? Roba da non credere".

     

    "E' per questi motivi – conclude Zoppini – che ho protocollato un'interrogazione nella quale chiedo conto al sindaco Alessio Calamandrei delle risposte delle assessori e specificazioni sulle voci sopra descritte. Spero che possa rispondere nel prossimo consiglio comunale anche se la vedo difficile avendo da dibattere ancora atti protocollati più di sei mesi fa".

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...