spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I 150 della Fiera di Scandicci in un libro sponsorizzato dal Banco Fiorentino

    La presentazione sabato 9 ottobre: scritto da Marco Gamannossi, racconta una storia di vita e di popolo

    IMPRUNETA-SCANDICCI – Un percorso lungo 150 anni. Dall'istituzione della prima Fiera di Scandicci nel 1866, passando per la vocazione agricola e il boom demografico, fino ad arrivare ai nostri giorni.

     

    “Fieramente Scandicci” è il libro dedicato all'anniversario dell'evento scandiccese, elemento dell'identità della città. Il volume curato da Marco Gamannossi, pubblicato con il contributo del Banco fiorentino – Mugello Impruneta Signa – Credito Cooperativo, vuole ricomporre questo patrimonio e raccogliere le testimonianze di una manifestazione che è cresciuta insieme a Scandicci.

    Il libro sarà presentato domenica 9 ottobre alle 21, nello spazio istituzionale della Fiera. Parteciperanno oltre all'autore, il presidente del Banco Fiorentino, Paolo Raffini, il vicepresidente Stefano Romanelli, il vicedirettore Roberto Castellani, il sindaco di Scandicci, Sandro Fallani, gli ex sindaci della città e Silvia Viviani presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.

     

    Conduce la serata il regista e attore Bruno Santini. E l'invito ai cittadini è a partecipare all'iniziativa anche inviando foto, video, racconti e aneddoti della Fiera a info@scandiccifiera.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...