spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Medici di famiglia, la dottoressa Montini termina l’incarico: tavarnuzzini preoccupati, raccolta firme in corso

    Pare che il nuovo medico non avrà studio a Tavarnuzze, in molti potrebbero essere costretti a spostarsi a Impruneta. Lettera di una coppia: "Ci sentiamo carne da macello"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Un avvicendamento fra medici di famiglia sta facendo preoccupare tantissime famiglie a Tavarnuzze.

    Tanto che è in corso una raccolta firme, da inviare alla Asl Toscana Centro, in farmacia e in molti esercizi commerciali, per chiedere il mantenimento della dottoressa Martina Montini da parte dei suoi mutuati.

    La dottoressa Montini ha sostituito alcuni mesi fa la dottoressa Eleonora Tacconi, che aveva chiesto il trasferimento nel comune di Bagno a Ripoli.

    Un incarico a tempo quello della dottoressa Montini, fino a quando non è entrato come medico di famiglia, secondo graduatoria, il dottor Claudio Betti.

    Questo il messaggio arrivato sui telefoni dei mutuati: “La informiamo che dal 01/03/2024 il suo Medico di famiglia, Dr MARTINA MONTINI, cesserà la sua attività per fine incarico. Pertanto dovrà provvedere a effettuare la scelta di un nuovo medico utilizzando le modalità previste consultabili collegandosi a…”.

    Comprensibile lo smarrimento, in particolare dei tanti anziani. Diventato ancora maggiore quando si è venuto a sapere che il nuovo medico di famiglia non avrebbe intenzione di fare ambulatorio a Tavarnuzze, bensì solo a Impruneta.

    Da alcuni calcoli, sembra che la quota di mutuati che possono prendere ancora in carico i medici che fanno ambulatorio anche a Tavarnuzze non possa coprire tutti quelli che erano in carico alla dottoressa Montini.

    Che, quindi, oltre a essere preoccupati per il cambio, dopo che avevano intessuto un buonissimo rapporto nei mesi in cui la dottoressa aveva esercitato nel comune, temono anche la logistica.

    Con molti tavarnuzzini, anche anziani e con possibilità di spostamento complicate, che sarebbero costretti ad andare a Impruneta per incontrare il proprio medico di famiglia.

    Da qui, l’avvio della raccolta firme, tuttora in corso, in farmacia e in alcuni esercizi commerciali. Che chiede alla Asl Toscana Centro “il mantenimento della dottoressa Montini”.

    Alcuni sono così preoccupati che (una coppia) hanno preso carta e penna per scrivere una lettera, che riceviamo e pubblichiamo qui di seguito.

    “Siamo due ultra ottantenni (senza figli).

    Oggi ci avete informati che la dott.ssa Montini, dal giorno 01/03/2024, cesserà l’incarico di
    medico di famiglia presso il distretto di Tavamuzze.

    Ci permettiamo con la presente, di dissentire da questa decisione, che ci pare offendere
    profondamente la ns/dignità e i ns/diritti.

    In questi 6 mesi, abbiamo fatto un lungo e faticoso percorso, per spiegare e documentare la
    ns/ complicata e seria situazione sanitaria, collaborando fattivamente con la dott.ssa
    Montini, che ci ha dato la sua piena disponibilità di tempo, ascolto e competenza
    professionale.

    Ci hanno pure informato che il medico designato non farà servizio a Tavarnuzze ma solo
    all’Impruneta… . 

    Scusate, ma ci sentiamo carne da macello e, tutta la ns/ fatica di questi mesi va a farsi
    benedire e, quindi dovremmo ricominciare da capo… .

    Vi preghiamo di porre rimedio a questa incredibile situazione, con vero spirito umanitario e
    di rispetto dovutoci, lasciandoci la dottoressa Montini, che noi ritenevamo convintamente essere già il ns/medico di famiglia.

    Naturalmente non siamo i soli a pensarla così, e a voler protestare… e quindi la inviamo anche a nome degli altri mutuati”.

    R.P. e P.L.M.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...