spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nicola Nidiaci e Marco Consorti: due amici, un palcoscenico e un viaggio nel tempo a Tavarnuzze

    Tutto esaurito al teatro della casa del popolo tavarnuzzina per lo spettacolo: 220 le persone che hanno applaudito i loro ricordi

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Uno è parruchiere, con un occhio e un orecchio sempre in piazza.

    L’altro, dipendente Enel, ha sempre fatto parte della vita attiva, culturale e sociale del paese.

    Nicola Nidiaci e Marco Consorti però sono, prima di tutto, amici. E ce lo racconta anche la foto usata per la locandina del loro spettacolo, “Amici”, messo in scena nei giorni scorsi nel teatro della casa del popolo di Tavarnuzze.

    Si vedono loro due, bambini, al mare. Su un pedalò. Tanti, tanti anni fa.

    Anni che sono volati sul palcoscenico. Il primo, Nidiaci, quasi all’esordio. Il secondo, Consorti, nel suo habitat naturale.

    Ed è stato un successo: 220 le persone che hanno applaudito i loro ricordi, le storie delle mamme, di quando sono nati a Tavarnuzze nel 1963, la vecchia piazza.

    “Abbiamo fatto un viaggio nel tempo – raccontano dopo le emozioni della serata del 7 maggio – rappresentando successivamente le nostre nonne”.

    “E poi noi ventenni, noi sessantenni – sorridono – fino a immaginarci vecchi nella nuova piazza di Tavarnuzze”.

    “Si è riso come pianto – concludono orgogliosi – con momenti e ricordi molto toccanti”.

    Orgogliosi anche dell’esito finale dell’iniziativa: l’incasso infatti è stato devoluto a due delle principali realtà associative di Tavarnuzze, la Pubblica Assistenza e la casa del popolo.

    La consegna della donazione in piazza, davanti al Birillo

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...