spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuovo avviso pubblico per la manifestazione di interesse per il “Birillo” di Tavarnuzze

    Affitto annuo da 26.400 euro. Domande fino al 15 dicembre aperte ad associazioni, enti e imprese che abbiano proposte. Ecco i "confini" in cui ci si può muovere

    IMPRUNETA – Il Comune di Impruneta torna “alla carica” per assegnare la gestione del “Birillo”, l’ex Stazione di Tavarnuzze.

    Lo fa con un nuovo bando, aprendo la possibilità ad associazioni, enti e imprese di presentare idee e proposte, sostenibili a livello tecnico ed economico, per l’utilizzo dell’immobile in piazza Don Chellini.

    Gli interessati a prendere in locazione l’immobile per svolgervi attività di tipo commerciale ed iniziative culturali e promozionali, finalizzate alla sua valorizzazione, hanno tempo fino al 15 dicembre per consegnare il loro progetto.

    “Sappiamo quanto sia fondamentale trovare una soluzione definitiva per l’immobile in questione. Speriamo davvero che questa sia la volta buona” dichiara il vicesindaco Matteo Aramini.

    “Intanto – anticipa – si sono fatti avanti diversi soggetti interessati che non ho motivo di dubitare che partecipino con progetti concreti e realizzabili. Successivamente a questa manifestazione pubblica procederemo con il bando effettivo e finalmente mi auguro che restituiremo vita ad un immobile che può davvero fare la differenza nella vita socio economica di Tavarnuzze”.

    La manifestazione di interesse deve contenere una sintetica descrizione dell’attività esercitata attualmente dall’operatore economico, ente o associazione, ed i risultati economici con riferimento agli ultimi tre esercizi finanziari altre a una sintetica descrizione delle attività che si intendono esercitare nell’immobile e sue pertinenze ed un programma di iniziative, eventi o manifestazioni di carattere ricreativo, culturale, sociale, sportivo, che si intende proporre.

    “Si auspica – dicono dall’amministrazione comunale – che l’attività di somministrazione di alimenti e bevande sia improntata sulla qualità, con particolare riguardo ai prodotti tipici locali e alla filiera toscana”.

    “A titolo meramente esemplificativo – si spiega ancora – le iniziative potranno consistere in degustazioni delle produzioni locali, didattica e laboratori per la conoscenza dei cibi di stagione e le produzioni del territorio, corsi di cucina, eventi e/o manifestazione di carattere ricreativo, culturale, sociale, sportivo, ecc. che siano opportunità per il territorio”.

    “Non è consentita – viene precisato – l’installazione di videogiochi e di apparecchi per il gioco lecito né di terminali per le video lottery”.

    Il canone annuo di locazione è di 26.400 euro, oltre oneri se dovuti. Il contratto di locazione avrà durata di sei anni. È vietata la sublocazione e subconcessione, anche parziale.

    I locali al piano terreno dell’immobile sono destinati a bar, cucina e servizi mentre i locali ubicati al piano primo sono adibiti a spazio polifunzionale, ufficio e servizi. Il piano secondo è costituito da ampia terrazza, una parte della quale utilizzata per impianti tecnologici, oltre scale, ascensore e vani tecnici. Si specifica che sull’immobile sono comunque necessari interventi di ripristino e/o manutenzione (edili ed impiantistici) da effettuarsi prima del suo utilizzo.

    Alla presentazione di manifestazione di interesse sono ammesse nello specifico: associazioni ed organizzazioni di volontariato, cooperative e loro consorzi, operatori privati anche in forma consorziata, raggruppamenti temporanei di imprese, enti pubblici.

    Il Comune prenderà in esame le istanze pervenute rinviando ad una successiva fase l’eventuale confronto concorrenziale fra gli operatori e riservandosi la scelta di individuare le priorità tra le proposte avanzate o altre che dovessero emergere nell’interesse del Comune. Nella successiva procedura di affidamento della locazione dell’immobile saranno esplicitati i requisiti specifici delle persone fisiche e giuridiche, richiesti per la presentazione della domanda di partecipazione e relativa offerta.

    Le manifestazioni di interesse, redatte nei modi indicati nell’avviso pubblico e complete degli allegati richiesti, dovranno pervenire al protocollo del Comune di Impruneta non oltre le ore 12 del giorno 15 dicembre 2021.

    Poiché alla manifestazione di interesse va allegato il documento di presa visione dell’immobile, il  sopralluogo può essere richiesto ai seguenti indirizzi di posta elettronica: g.bertini@comune.impruneta.fi.it e f.ricci@comune.impruneta.fi.it.

    La richiesta di sopralluogo dovrà pervenire al Comune almeno 3 (tre) giorni feriali antecedenti alla data di scadenza per la presentazione della manifestazione di interesse e quindi entro il 10 dicembre 2021.

    Link per approfondimenti qui.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...