spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Annunciato mesi fa adesso viene definito dalla giunta: ecco come si compone

    IMPRUNETA – L'amministrazione comunale  di Impruneta, con la delibera di Giunta numero 102  del 29 novembre ha  approvato le linee guida sui compiti e le funzioni dell'Osservatorio permanente sui lavori di riqualificazione della piazza di Tavarnuzze.

     

    Un organissmo sul quale era stato trovato l'accordo mesi fa in consiglio comunale, vista la delicatissima questione dei lavori nella piazza tavarnuzzina: intanto però il tempo passava, le opposizioni protestavano e l'Osservatorio… non si vedeva.

     

    "L'osservatorio – fanno sapere dal palazzo comunale – è finalizzato a coadiuvare l'attività del Comune in relazione ai lavori di riqualificazione della piazza di Tavarnuzze, assolvendo un ruolo di natura consultiva e propositiva, nonché di raccordo e collegamento fra la popolazione e l'amministrazione comunale".

     

    "L'Osservatorio – proseguono – che non prevede alcuna remunerazione dei suoi membri, sarà presieduto dal sindaco e sarà formato: da sette rappresentanti scelti dalle forze politiche presenti in consiglio comunale, da due rappresentanti del “Comitato Antica Stazione”, da due rappresentanti del “Comitato Piazza Avanti Tutta”, da due rappresentanti dei commercianti nominati dal Centro Commerciale Naturale di Tavarnuzze, da un rappresentane della Pubblica Assistenza e da un rappresentante della casa del popolo di Tavarnuzze".

     

    "Il lavoro di questo organo – concludono – sarà supportato da un organo tecnico detto “panel” al cui interno saranno presenti funzionari del Comune aventi competenza in materia. L'osservatorio rimarrà in carica durante tutto il periodo dei lavori di riqualificazione della piazza".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...