spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere comunale di Sel ha fatto due sopralluoghi: “Intervenire immediatamente”

    "Piove nelle scuole materne, necessita un intervento urgente": a dirlo è il consigliere comunale di Sel (Sinistra ecologia e libertà) di Impruneta, Riccardo Lazzerini, che in seguito alle notizie dei giorni scorsi relative alla pioggia dentro la scuola "Sturiale" di Tavarnuzze (clicca qui per leggere l'articolo), ha fatto un giro in due plessi scolastici imprunetini.

     

    "Se c'erano due cose da scongiurare di questi tempi – sottolinea Lazzerini – era che piovesse così tanto e che si rimandassero i lavori di consolidamento dei tetti della materna "Sturiale" di Tavarnuzze e della materna "Primo Levi" di Impruneta".

     

    Perché non piove solo a Tavarnuzze dice Lazzerini: "Il sottoscritto ha visionato entrambe le scuole, prendendo atto dell'impellente necessità di intervenire a stretto giro per ripristinare entrambi i tetti; il problema è semplice: piove nelle aule! Un intervento tardivo potrebbe causare problematiche maggiori che per adesso sono scongiurate".

     

    "La normale didattica, già ridimensionata nel caso del "Primo Levi" e la mensa nel caso "Sturiale" – conclude – passano soltanto in questa fase in secondo piano, rispetto ai danni (forse irreparabili), causati da ritardi negli interventi".

     

    "La ditta che nel 2009 si occupò del rifacimento del tetto – hanno ricordato nei giorni scorsi dal palazzo comunale – e a cui l'amministrazione comunale ha contestato il lavoro, si è impegnata  a rifare completamente l'opera a proprie spese. Ma per l'avvio dei lavori è necessario che si possa operare in buone condizioni climatiche".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...